Accertamento sintetico: tassabili i redditi sul conto bancario di terzi

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Accertamento sintetico: ecco come si calcolano le tasse sui redditi del conto bancario in transito su conto terzi secondo l'ultima sentenza della Cassazione.

A poche settimane dall’entrata in vigore del nuovo Redditometro è bene saperlo: in caso di accertamento sintetico, i soldi versati sul conto corrente del coniuge o di terzi possono essere tassabili perché – anche se in transito sul deposito – rappresenterebbero un reddito effettivo dell’intestatario del conto bancario.

Sul deposito bancario si paga infatti l’IRPEF e la sezione tributaria della Corte di Cassazione (sentenza n. 433 del 10 gennaio 2013) ha chiarito che la tassazione deve aver luogo, anche qualora venga accertato che le somme depositate sul conto appartengono a terzi.

=> Approfondisci: Controllo sui conti correnti al via

Questo perché, secondo i giudici di legittimità l’eventuale possesso “reale” dei depositi da parte di un terzo sarebbe frutto di «un accordo bilaterale fra i due coniugi, cui i terzi, compreso il Fisco, sono del tutto estranei».

=> Consulta i costi dei conti deposito

In conclusione si configura in questi casi «l’obbligo per l’ufficio di imputare comunque il reddito al “possessore” apparente».

=> Leggi anche: Redditometro e rischi di accertamento sintetico