Sardegna zona franca: via l’IVA dal prossimo giugno?

di Teresa Barone

scritto il

Ugo Cappellacci chiede al Presidente del Parlamento Europeo di modificare il codice doganale nell’isola.

Un nuovo codice doganale per la Regione Sardegna, che potrebbe diventare zona franca a partire dal prossimo 30 giugno. Già Regione a statuto speciale, l’isola sarebbe la prima Regione italiana senza IVA, un mutamento che consentirebbe un maggiore sviluppo territoriale e finanziario.

=> Leggi tutte le news sull’IVA

La richiesta di modifica del codice doganale è stata inviata dal Governatore Ugo Cappellacci al Presidente del Parlamento Europeo Josè Manuel Barroso:

«Entro il termine perentorio del 24 giugno 2013, si comunica che la Regione Autonoma della Sardegna con delibera del 7 febbraio 2013 ha stabilito l’attivazione di un regime doganale di zona franca esteso a tutto il territorio regionale. Si chiede pertanto la modifica del regolamento prevedendo che tra i territori extra-doganali dell’Italia sia indicato anche il territorio della Sardegna isole minori comprese».

=> Dichiarazioni IVA 2013: modelli e guida all’invio online

I vantaggi per le imprese di questa iniziativa sono stati illustrati dal Presidente regionale Associazioni del commercio e artigianato Andrea Impera:

«L’istituzione della zona franca trasformerà la Sardegna nella nuova Svizzera, e permetterà il rifiorire dei piccoli commercianti e soprattutto dell’edilizia. Abbattere l’IVA ci consentirà di avere il carburante a costi bassissimi, di pagare pochissimo l’energia elettrica e di mettere in moto nuovamente tutto l’indotto legato al settore edilizio un indotto ormai morto da anni e che ha ridotto sul lastrico intere famiglie. La zona franca ci permetterà di costruire a bassissimo costo e quindi favorirà gli investimenti».

=> Leggi tutte le news per le PMI della Sardegna

I Video di PMI

Aumento IVA: la clausola di salvaguardia