Fisco: condono tombale sui conti correnti in Svizzera

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Condono tombale per le somme detenute in Svizzera e non dichiarate dagli Italiani: sanatoria fiscale con un'aliquota del 30% da versare.

Condono tombale per coloro che detengono conti correnti in Svizzera, è quanto prevede la sanatoria fiscale per i patrimoni non dichiarati sulla quale si stanno accordando Italia e Svizzera. Ad annunciare l’avanzamento delle trattative tra i due Paesi è stato il capo della direzione della segretria per le questioni Finanziarie internazionali Oscar Knapp.

=> Scopri tutti i condoni fiscali

L’intesa prevede che gli Italiani che detengono un conto corrente in Svizzera, uno dei principali paradisi fiscali, possano siglare una sorta di patto: regolarizzare le somme depositate nel Paese oltralpino, e quindi la posizione con il Fisco italiano, versando le imposte evase in passato.

=> Leggi i dati sul condono fiscale per liti pendenti

Andrà quindi pagata una tassa, che sarà ben più consistente dello scudo fiscale concesso dal precedente Governo: tra il 30% e il 35% (precedentemente si era arrivati al massimo al 7%). La Svizzera dal canto suo assumerebbe il ruolo di sostituto di imposta per lo Stato Italiano sulle tasse da versare in futuro.

=> Scopri le altre misure contro l’evasione fiscale

A fronte di tale prelievo i contribuenti potranno mettersi al riparo da possibili sanzioni penale o amministrative per reati fiscali.

Si stima che con questo condono tombale l’Italia possa riportare in Italia 160 miliardi di euro. La Svizzera ha già siglato accordi simili a quello che sta per raggiungere con l’Italia (noto come Schema Rubik) con Gran Bretagna, Austria e Germania.