Tratto dallo speciale:

Credito IVA: validità della prescrizione decennale

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Dichiarazione dei redditi e credito IVA: la sentenza della Cassazione che precisa il termine ordinario decennale per la prescrizione per la presentazione della domanda di rimborso.

Con la sentenza n. 5172/2016 la Corte di Cassazione, sez. Tributaria Civile, ha stabilito che se il contribuente indica nella dichiarazione il diritto al rimborso IVA, tale diritto deve essere assoggettato al termine di prescrizione ordinario decennale e non a quello biennale.

=> Contributi INPS omessi: validità della prescrizione

Nel caso in esame il contribuente aveva presentato la dichiarazione IVA per l’anno 1998, contenente l’esposizione “a rimborso” di un credito d’imposta pari 580 milioni di lire e di una ulteriore eccedenza di 55.812.000 di lire da utilizzare in compensazione nell’anno successivo. Tuttavia nella dichiarazione per l’anno 1999, per errore, il credito verso l’Erario era utilizzato in minore misura, quindi il contribuente aveva richiesto il rimborso dell’eccedenza. Domanda respinta dall’Ufficio con la motivazione che era ormai decorso il termine biennale di cui al D.Lgs. n. 546 del 1992, art.21, comma 2.

=> Accertamento IRAP anche dopo prescrizione

Secondo il giudice territoriale, la domanda di rimborso era stata invece presentata entro il termine decennale di prescrizione di cui all’art. 2946 del Codice Civile. Il conseguente ricorso presentato dall’Agenzia delle Entrate in Cassazione è stato ritenuto infondato dai giudici di legittimità che hanno così dato continuità all’orientamento recentemente ribadito dalla sentenza della Cassazione n. 6684/2015.

=> Cartelle esattoriali: termini di prescrizione

In sostanza, in tema di IVA, deve tenersi distinta la domanda di rimborso o restituzione del credito d’imposta maturato dal contribuente, da considerarsi già presentata con compilazione nella dichiarazione annuale dei quadro relativo che configura formale esercizio del diritto, rispetto alla presentazione del modello apposito (VR), che costituisce solo presupposto per l’esigibilità del credito (art. 38 , comma 1, del d.P.R. n. 633/1972) e, dunque, adempimento per dar inizio al procedimento di esecuzione del rimborso. Per questo motivo, una volta esercitato tempestivamente in dichiarazione il diritto al rimborso, a questo non può applicarsi il termine biennale di decadenza, ma va applicato quello di prescrizione ordinario decennale.

.

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito