Tratto dallo speciale:

Mappa Coronavirus: la situazione in Italia a giugno 2020

di Redazione PMI.it

scritto il

Terminato il lockdown in Italia l'emergenza Coronavirus non è ancora finita: i dati migliorano ma preoccupa ancora la Lombardia con oltre il 70% dei casi.

Dal 3 giugno 2020 è stata ufficialmente decretata la fine del lockdown in Italia, non solo con l’apertura di praticamente tutte le attività, ma anche con lo stop alle restrizioni di movimento, ora consentite anche tra regioni e senza autocertificazione. Ma l’emergenza Coronavirus non può essere definita ancora “finita”, nonostante il continuo miglioramento della situazione legata ai nuovi casi di contagio da COVID-19, ora nell’ordine delle centinaia, ancora con differenze sostanziali da Nord a Sud (oltre il 70% dei contagi si registra ancora in Lombardia, mentre in ben 11 Regioni non ci sono vittime).

Per cercare di individuare tempestivamente tutti coloro con cui le persone eventualmente contagiate sono entrate in contatto, prendendo immediatamente le dovute misure preventive, contrastando così il diffondersi del virus, dal 1° giugno il Governo ha rilasciato gratuitamente l’app Immuni per il tracciamento dei contatti, già scaricata da oltre 500mila italiani, risultando al primo posto della classifica delle applicazioni con più download sia su App store che su Google play, come reso noto dal ministro per l’Innovazione, Paola Pisano.

Vediamo quale è la situazione secondo i dati diffusi ufficialmente dal Dipartimento della Protezione Civile, aggiornati ad inizio giugno 2020 per capire quando il nostro Paese potrà finalmente tirare un sospiro di sollievo e lasciarsi l’emergenza sanitaria da COVID-19 alle spalle.

Coronavirus in Italia a inizio giugno 2020

Alle ore 18 del 3 giugno in Italia, la protezione civile ha diffuso il seguente aggiornamento sulla diffusione del Sars-CoV-2 in Italia: Sono 233.836 i casi totali dall’inizio della pandemia:

  • 39.297 persone attualmente positive;
  • 33.601 deceduti;
  • 160.938 guariti.

Variazioni rispetto al precedente bollettino:

  • +321 nuovi casi positivi (3 su 4 in Lombardia);
  • +71 deceduti;
  • +846 guariti.

Tra i 39.297 attualmente positivi (-596):

  • 33.202 si trovano in isolamento domiciliare (-367);
  • 5.742 ricoverati con sintomi (-174);
  • 353 in terapia intensiva (-55).

Sono 3.999.591 (+37.299) i tamponi effettuati.

La Lombardia rimane la regione più colpita del Paese con +237 nuovi positivi in un giorno e 89.442 casi di contagio dall’inizio dell’epidemia (erano 78.605 ad inizio maggio), la seconda regione resta il Piemonte (come a maggio, mentre ad aprile era l’Emilia-Romagna), con +19 positivi e 30.734 casi totali (a maggio erano 27.774). Zero vittime nelle ultime 24 ore in Veneto, Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Marche, Umbria, Molise, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Nessun caso registrato in provincia di Bolzano e in Valle d’Aosta, Friuli V.G., Umbria, Molise, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Solo un caso in Trentino, Puglia e Marche.

=> Confronta con la situazione in Italia a maggio 2020

Totale casi per Provincia:

  • Milano (Lombardia): 23.176;
  • Torino (Piemonte): 15.653;
  • Brescia (Lombardia): 14.861;
  • Bergamo (Lombardia): 13.465;
  • Cremona (Lombardia): 6.470;
  • Genova (Liguria): 5.740;
  • Roma (Lazio): 5.664;
  • Monza e della Brianza (Lombardia): 5.556;
  • Pavia (Lombardia): 5.365;
  • Verona (Veneto): 5.100;
  • Bologna (Emilia-Romagna): 5.036;
  • Reggio nell’Emilia (Emilia-Romagna): 4.952;
  • Piacenza (Emilia-Romagna): 4.495;
  • Trento (P.A. Trento): 4.433;
  • Alessandria (Piemonte): 3.944;
  • Padova (Veneto): 3.932;
  • Modena (Emilia-Romagna): 3.922;
  • Como (Lombardia): 3.890;
  • Varese (Lombardia): 3.637;
  • Parma (Emilia-Romagna): 3.534;
  • Lodi (Lombardia): 3.483;
  • Firenze (Toscana): 3.473;
  • Mantova (Lombardia): 3.367;
  • Vicenza (Veneto): 2.849;
  • Cuneo (Piemonte): 2.783;
  • Lecco (Lombardia): 2.756;
  • Pesaro e Urbino (Marche): 2.745;
  • Novara (Piemonte): 2.707;
  • Venezia (Veneto): 2.665;
  • Treviso (Veneto): 2.659;
  • Napoli (Campania): 2.621;
  • Bolzano (P.A. Bolzano): 2.598;
  • Rimini (Emilia-Romagna): 2.156;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Lombardia): 1.947;
  • Ancona (Marche): 1.872;
  • Asti (Piemonte): 1.847;
  • Forlì-Cesena (Emilia-Romagna): 1.724;
  • Savona (Liguria): 1.573;
  • Imperia (Liguria): 1.542;
  • Pescara (Abruzzo): 1.524;
  • Bari (Puglia): 1.487;
  • Sondrio (Lombardia): 1.469;
  • Trieste (Friuli Venezia Giulia): 1.388;
  • Lucca (Toscana): 1.364;
  • Vercelli (Piemonte): 1.307;
  • Aosta (Valle d’Aosta): 1.187;
  • Belluno (Veneto): 1.173;
  • Foggia (Puglia): 1.157;
  • Macerata (Marche): 1.123;
  • Verbano-Cusio-Ossola (Piemonte): 1.111;
  • Catania (Sicilia): 1.072;
  • Massa Carrara (Toscana): 1.049;
  • Biella (Piemonte): 1.035;
  • Ravenna (Emilia-Romagna): 1.028;
  • Perugia (Umbria): 1.004;
  • Ferrara (Emilia-Romagna): 995;
  • Udine (Friuli Venezia Giulia): 986;
  • Pisa (Toscana): 896;
  • La Spezia (Liguria): 894;
  • Sassari (Sardegna): 870;
  • Chieti (Abruzzo): 824;
  • Pordenone (Friuli Venezia Giulia): 688;
  • Salerno (Campania): 687;
  • Arezzo (Toscana): 677;
  • Pistoia (Toscana): 676;
  • Teramo (Abruzzo): 657;
  • Brindisi (Puglia): 650;
  • Frosinone (Lazio): 618;
  • Palermo (Sicilia): 580;
  • Messina (Sicilia): 565;
  • Prato (Toscana): 565;
  • Livorno (Toscana): 557;
  • Avellino (Campania): 547;
  • Latina (Lazio): 542;
  • Lecce (Puglia): 515;
  • Fermo (Marche): 470;
  • Cosenza (Calabria): 468;
  • Caserta (Campania): 462;
  • Rovigo (Veneto): 442;
  • Siena (Toscana): 438;
  • Viterbo (Lazio): 429;
  • Grosseto (Toscana): 426;
  • Enna (Sicilia): 425;
  • Rieti (Lazio): 386;
  • Barletta-Andria-Trani (Puglia): 380;
  • Terni (Umbria): 372;
  • Campobasso (Molise): 359;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Piemonte): 347;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Veneto): 344;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Campania): 295;
  • Ascoli Piceno (Marche): 290;
  • Taranto (Puglia): 281;
  • Reggio di Calabria (Calabria): 275;
  • Cagliari (Sardegna): 252;
  • Siracusa (Sicilia): 251;
  • L’Aquila (Abruzzo): 247;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Marche): 235;
  • Catanzaro (Calabria): 214;
  • Gorizia (Friuli Venezia Giulia): 214;
  • Benevento (Campania): 209;
  • Matera (Basilicata): 208;
  • Potenza (Basilicata): 191;
  • Caltanissetta (Sicilia): 176;
  • Agrigento (Sicilia): 141;
  • Trapani (Sicilia): 140;
  • Crotone (Calabria): 118;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Lazio): 114;
  • Sud Sardegna (Sardegna): 97;
  • Ragusa (Sicilia): 97;
  • Vibo Valentia (Calabria): 81;
  • Nuoro (Sardegna): 79;
  • Oristano (Sardegna): 59;
  • Isernia (Molise): 58;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Umbria): 55;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Puglia): 29;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Molise): 19;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Calabria): 2;
  • In fase di definizione/aggiornamento (Liguria): 2.

I Video di PMI

Coronavirus: misure per la ripresa post Covid-19