Toscana anti-crisi: bandi Ue e azioni congiunte

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

La Regione Toscana risponde alla crisi economica con una azione congiunta di tutti i soggetti del sistema regionale. Entro febbraio, inoltre, saranno attivi tutti i bandi europei

Per contrastare la crisi finanziaria e venire incotnro alle imprese, anche la Toscana cerca di intervenire sul campo con iniziative congiunte che coinvolgono tutti gli attori economici della regione: banche, università, aziende, sindacati e Camere di commercio.

Claudio Martini, presidente della Regione Toscana, assicura forti investimenti nel prossimo futuro: «Nei prossimi anni la Regione assicurerà al territorio 3 miliardi e 661 milioni di euro capaci di attivare altri 4 miliardi di euro di investimenti«.

Lato aziende, si tenta in particolare di agevolare l’accesso al credito per le imprese e la semplificazione delle procedure, oltre ad una maggiore disponibilità e rapidità di nuovi investimenti.

Diversi i fondi per le Pmi: in particolare uno da 15 milioni per gli interventi a medio termine e uno da 33 milioni per i nuovi investimenti e il microcredito.

Gli stanziamenti sono destinati alla copertura dell’80% dei finanziamenti bancari e saranno offerti in forma gratuita per le Pmi con un tasso riparametrato con il protocollo del 2006.

Inoltre tra questo mese di novembre e il prossimo febbraio 2009 verranno pubblicati tutti i bandi dei Fondi comunitari e per i finanziamenti dei progetti per l’energia.