Lavoro ICT: il canale online skills4you

di Barbara Weisz

scritto il

Partnership fra Microsoft, Face4Job e Gi group per l'incontro domanda e offerta di lavoro ICT: un canale sulla piattaforma social, iniziative di formazione e aggiornamento anche online.

Un portale per il recruiting focalizzato sul settore tecnologico, un’academy per la formazione, training e iniziative a supporto dell’inserimento in azienda, una virtual academy per la crescita delle figure professionali già attive presso i partner Microsoft: sono le principali caratteristiche del progetto skills4you, partnership fra Microsoft, Face4Job e Gi Group per facilitare l’incontro fra domanda e offerta di lavoro ICT. Obiettivi: supportare lo sviluppo del settore e l’innovazione semplificando il processo di assunzione di figure specializzate, contribuire alla crescita delle figure professionali già attivepresso i partner Microsoft.

=> Vai allo Speciale annunci di lavoro

Su Face4Job, piattaforma social per l’incontro fra domanda e offerta di lavoro, è stato inserito il canale skills4you dedicato alle opportunità più interessanti di lavoro ICT, su cui Microsoft e i partner pubblicano le proprie offerte e i candidati possono inserire curriculum e video candidature, gratuitamente e senza intermediazione. L’algoritmo di Face4Job garantirà l’incrocio ideale tra aziende e candidati in linea con le competenze richieste. Si tratta di un modo per superare il fenomeno del mismatching, ovvero la distanza fra le richieste delle aziende e le caratteristiche dei candidati, che caratterizza in particolare il mercato italiano, che ha un gap del 13%, quasi il doppio rispetto al 7% di media internazionale. I dati fotografano anche una notevole disomogeneità sul territorio, che va dal 4% della Liguria al 53% del Lazio.

=> Professioni 2015: chi sale e chi scende

Sul canale sono già presenti circa 50 Partner di Microsoft, e si prevedono molteplici altri ingressi nei prossimi mesi che dovrebbero rendere la piattaforma un vero e proprio hub per la ricerca di professionalità ICT.

Nei prossimi mesi partirà anche la Microsoft Academy, in collaborazione con Gi Group, con iniziative di formazione per i neolaureati che favoriscano il passaggio dal mondo universitario a quello del lavoro. Infine, la formazione online della Microsoft Virtual Academy consentirà il costante aggiornamento professionale degli operatori del mondo del lavoro ICT, fornendo know how sui trend tecnologici ed erogando formazione in linea con le esigenze del mercato.

«In uno scenario in cui l’elevato tasso di disoccupazione soprattutto tra i giovani descrive una situazione socio-economica ancora delicata, è chiaro che il settore ICT rappresenta una grande opportunità e in effetti è uno dei mercati maggiormente dinamici» commenta Vincenzo Esposito, Direttore della Divisione Piccola e Media Impresa e Partner di Microsoft Italia, citando i dati CEPIS in base ai quali si stimano nel settore oltre 900mila posti di lavoro vacanti in Europa entro il 2020. Il problema è il «deficit di professionisti qualificati, che frena la capacità dell’Europa di rilanciare la competitività economica». Non solo: «l’Italia è il Paese europeo con il più basso tasso di professionisti ICT under 30» ed è quindi importante «aiutarli a maturare competenze in linea con le esigenze del mercato» e semplificarne l’accesso al mondo del lavoro, nella convinzione che investire sui giovani significa «guidare la trasformazione digitale delle aziende e di conseguenza contribuire all’innovazione e alla crescita dell’intero nostro Paese».

«Mettere in relazione il mondo degli studenti e dei candidati direttamente con le aziende, facilitando i processi di connessione in una fase preliminare, è una delle soluzioni al mismatching», aggiunge Alessio Romeo, CEO di Face4Job. «In un contesto dove la richiesta di personale qualificato è superiore al numero dei candidati disponibili – afferma Francesco Baroni, Business Innovation & Technology Management Senior Executive di Gi Group – la grande sfida è quella di attrarre, incontrare e qualificare i giovani neolaureati».

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi