Bonus Mobili

Cos’è e come funziona il Bonus Mobili, l’insieme di incentivi e agevolazioni previste per chi deve acquistare arredi ed elettrodomestici per case nelle quali si sta effettuando una ristrutturazione edile.

Ultime notizie

Così come specificato nella Legge di Bilancio, si può usufruire di una detrazione IRPEF al 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione, anche se iniziata fin dal primo gennaio dell’anno precedente. La data di inizio lavori deve essere anteriore a quella delle spese.  Il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari avrà diritto al beneficio più volte tanti quanti sono gli immobili ristrutturati con agevolazione. La detrazione va ripartita tra gli aventi diritto, in dieci quote annuali di pari importo.

Beni agevolabili

Mobili nuovi e grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+, (A o superiore per i forni e lavasciuga), per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica. Non sono agevolabili porte, pavimentazioni, tendaggi e complementi di arredo. Nell’importo rientrano le spese di trasporto e montaggio sostenute con metodi tracciabili.

Adempimenti

Per la detrazione occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. La detrazione è ammessa anche con un finanziamento a rate. I documenti da conservare: l’attestazione del pagamento; le fatture  (o scontrino parlante) di acquisto dei beni (natura, qualità e quantità) e servizi acquisiti (anche all’estero). Dal 2018 è necessario comunicare all’ENEA gli acquisti di alcuni elettrodomestici agevolabili.

Tutto quello che devi sapere sul Bonus Mobili: novità e istruzioni utili per accedere a questa agevolazione fiscale, come fare domanda e i documenti necessari.

Tutti gli articoli