Mobile POS: offerte degli operatori a confronto

di Alessandro Longo

scritto il

Operatori telefonici a confronto sull’offerta Mobile POS: tariffe, costi fissi, commissioni e pacchetti con traffico Internet, smartphone e tablet.

I principali operatori telefonici sono entrati nel mercato dei Mobile POS, proponendo agli utenti tariffe ad hoc per effettuare semplicemente collegando lo smartphone al dispositivo wireless, con costi di commissione e fissi inferiori rispetto ai POS tradizionali, gestiti dagli stessi produttori come Jusp, Payleven, Wall-abile o dalle varie banche.

=> Smartphone come POS: le alternative sul mercato

Il risparmio è evidente, tuttavia è necessario utilizzare una SIM del gestore per lo smartphone o tablet collegato al Mobile POS, attivando una tariffa che comprenda traffico Internet. I dispositivi funzionano anche su Wi-Fi, presente nel negozio o ufficio oppure collegato a un router ADSL. Mettiamo dunque a confronto le offerte dei vari operatori telefonici per i pagamenti mobili, tramite cui imprese, retailer e professionisti possono offrire ai propri clienti un servizio di transazione semplice e relativamente economico.

=> POS: costi per le Partite IVA e alternative Mobile

Telecom Italia

Telecom Italia offre il POS di Payleven (leggi in dettaglio) con un bundle al costo di 10 euro al mese:

  • nessun altro costo fisso;
  • 1 GB di traffico Internet (la SIM smartphone è connessa al POS e il traffico può essere usato anche per la navigazione);
  • commissione dello 1,95% su tutte le carte, contro il 2,75% che di solito applica Payleven.

Vodafone

Vodafone ha sviluppato la soluzione Mobile POS di Setefi con Intesa San Paolo (leggi in dettaglio) proponendo un’offerta molto articolata:

  • 5 euro al mese: POS, assistenza dedicata e il servizio Rete Sicura che protegge la navigazione Internet. Non ci sono costi iniziali, tuttavia lo stesso Mobile POS fornito dalla banca costa 2 euro al mese. Vodafone non fa menzione dei prezzi di commissione mentre Intesa San Paolo riferisce a PMI.it che i costi partono dallo 0,70% sui bancomat e dall’1,95% sulle carte di credito;
  • 24,90 euro al mese: POS, 400 minuti, 400 sms e 1 GB di Internet sulla SIM dello smartphone da collegare al dispositivo;
  • 15 euro al mese: POS e tablet Alcatel POP7 con 1 GB di Internet.

Con tariffe superiori è possibile avere sia smartphone e tablet migliori sia traffico voce. Non è necessario essere intestatari di un conto Intesa per usare il Mobile POS compreso nelle offerte.

Wind

Wind ha stretto un’alleanza con BNL (leggi in dettaglio) distribuendo il Mobile POS chiamato Mobo, gratuito, senza costi mensili e una commissione unica all’1,5%. È tuttavia necessario attivare una SIM Wind acquistando un Samsung Galaxy S5, un Galaxy Alpha, un S5 Mini, un Note 4 o un Galaxy Tab 4 10.1. Chi apre un conto corrente BNL ha l’accredito del transato in un giorno invece di due.

3 Italia

3 Italia include il Mobile POS di UBI Banca (leggi in dettaglio) in un’offerta da 5 euro al mese:

  • importi accreditati sulla carta di credito Enjoy Business 3, dotata di IBAN;
  • nessun traffico Mobile incluso nel canone;
  • nessuna commissione per i primi 400 euro al mese di transazioni: oltre, si paga l’1,25 per cento.

Con un canone di 10 euro al mese l’assenza di commissione vale sui primi mille euro di transato. L’offerta è riservata ai clienti 3 che siano nuovi clienti del gruppo UBI Banca.

Per approfondimenti: Telecom ItaliaVodafoneWindTre Italia.

I Video di PMI

PMI.it incontra SisalPay