POS Obbligatorio

Dal 30 giugno 2014 il POS (Point of sale) è diventato obbligatorio. Commercianti, professionisti e studi associati sono quindi tenuti ad accettare pagamenti elettronici effettuati tramite bancomat, carte di credito, di debito e prepagate.

L’obbligo di accettare pagamenti in moneta elettronica è previsto dal Decreto Attuativo 24/01/2014 (Disposizioni sui pagamenti elettronici) e riguarda le transazioni aventi come oggetto la vendita di beni, servizi e prestazioni professionali. La norma originaria (articolo 15, commi 4 e 5 del Dl 179/2012) non prevedeva sanzioni per i non adempienti, oggi le sanzioni previste possono arrivare fino a 30 euro.

Scopo principale dell’introduzione del POS Obbligario è quello di combattere l’evasione fiscale. Su PMI.it tutti i riferimenti normativi, le scadenze per mettersi in regola, le sentenze e le interpretazioni sull’applicazione del nuovo obbligo, quali sono le commissioni interbancarie esistenti.

Tutti gli articoli

Decreto Fiscale: nuovi condoni e rinvio sanzioni

Rottamazione quater, sanatoria avvisi e liti, pace fiscale, rinvio multe lotteria scontrini e POS, marcia indietro sui PIR, cambio regole negli appalti: pioggia di emendamenti al Decreto fiscale, al via le valutazioni di ammissibilità.

Buoni pasto digitali con Nexi e Sodexo

In vista delle novità per POS e buoni pasto della manovra 2020, Nexi e Sodexo stringono un accordo che unifica le soluzioni per i pagamenti elettronici.

Pagamenti POS: bonus ai negozianti da luglio

Decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio: in G.U un bonus ai commercianti per abbattere le commissioni sui pagamenti elettronici, da luglio 2020 in parallelo alle nuove sanzioni in ambito POS.

In Manovra un maxi-piano anti evasione

Incentivi sui pagamenti digitali, lotta frodi IVA, scontrini e fattura elettronica in chiave anti-evasione, riordino agevolazioni: verso la manovra 2020.

Stop al contante: incentivi POS in arrivo

Il Governo studia incentivi fiscali su POS e pagamenti digitali, con taglio commissioni, rimborsi e crediti d’imposta, mentre nel lungo periodo si programma la carta unica.