Sanità, se la cartella clinica è elettronica

di Lorenzo Gennari

scritto il

In occasione del CeBIT 2008, Fujitsu Siemens Computers presenterà «Esprimo Mobile Assistant», un tablet PC rivoluzionario per il mondo della sanità realizzato in collaborazione con Intel

Dal 4 al 9 marzo ad Hannover, in Germania, si terrà il più grande salone mondiale per le soluzioni digitali: migliore occasione non poteva essere trovata da Fujitsu-Siemens per la presentazione del suo ultimo prodotto rivolto agli enti pubblici del settore sanitario.

Si chiama Esprimo MA (Mobile Assistant) ed è un tablet PC progettato per supportare il personale medico e paramedico. È ergonomico e dalle dimensioni contenute, non ha la tastiera, ma è dotato di uno schermo sensibile al tocco.

Il dispositivo è stato messo a punto insieme al Competence Center Mobility and Applications di Brema, in Germania, che ha condotto analisi e ricerche approfondite fra i professionisti del settore medico al fine di determinare quali funzionalità e capacità fossero considerate ottimali e fossero richieste a un dispositivo mobile. Sulla base dei risultati emersi sono stati sviluppati e collaudati i prototipi di Esprimo MA.

L’attività di sviluppo condotta dal Competence Center Mobility and Applications deriva da una cooperazione di grande successo fra pubblico e privato che ha coinvolto Fujitsu Siemens Computers e la Città di Brema.

Non è la prima volta che la partnership tra Fujitsu Siemens e Intel produce innovazione nel settore dell’healthcare. Meno di un anno fa, presso l’ospedale Klinikum di Saarbrücken, in Germania, le due aziende avevano collaborato nella sperimentazione di un sistema di identificazione dei pazienti e delle sacche di plasma basato sulla tecnologia RFID.

Grazie al tablet PC Esprimo e ad un semplice braccialetto dotato di microprocessore in grado di trasmettere dati a distanza (RFID), i medici ora saranno in grado di leggere in ogni momento, sui propri dispositivi, i dati di ogni paziente, inclusi i dettagli sulle cure e sui dosaggi.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!