Microsoft compra Nokia, terminali e servizi

di Filippo Vendrame

scritto il

Microsoft ha acquisito la divisione cellulari di Nokia (Devices e Services)facendo sue licenze e brevetti nonchè l’utilizzo dei servizi cartografici e del marchio Lumia, mentre Nokia continuerà  a sviluppare autonomamente NSN (Infrastrutture), HERE (mappe) e Advanced Technologies (Ricerca e Sviluppo). Inoltre, la Finlandia sarà  la base per il nuovo data center Microsoft per i clienti europei.

L’operazione è l’evoluzione di una solida collaborazione avviata nel 2011 con il lancio della prima serie Lumia e di Windows Phone, ma certo l’acquisizione non era del tutto attesa, per quanto fonti anonime confermassero la volontà  di una sorta di fusione tra colossi.

Dopo i fasti dell’era Symbian, Nokia ha scommesso tutto su Windows Phone per potersi rilanciare, e solo una forte parternship con Microsoft poteva consentire di risalire velocemente la china per ridare il giusto valore all’azienda. Dal canto suo, per poter competere ad armi pari con Apple e Google nel settore Mobile, Microsoft aveva bisogno del know-how che solo Nokia possiede in termini di hardware e brevetti.

Microsoft continuerà  ad offrire la gestione di Windows Phone in licenza a terzi. Tuttavia, chi sceglierà  di realizzare device Windows Phone dovrà  tenere conto che Microsoft non sarà  più solo un fornitore ma anche un rivale. Da verificare anche cosa succederà  alla linea Surface se davvero Nokia, come sembra, vorrà  lanciarsi nel settore Tablet pc Windows 8.

Stephen Elop, CEO di Nokia, lascia la guida dell’azienda finlandese dopo averla risollevata da una situazione molto incerta e diventerà  uno dei TOP manager di Microsoft. Curiosamente, lo stesso Elop era stato indicato come uno dei possibili successori di Steve Ballmer alla guida di Microsoft. L’odierna operazione non può dunque che dare nuova linfa a questi rumors. Risto Siilasmaa sarà  il nuovo CEO ad interim di Nokia.

L’operazione di acquisizione per circa 5,44 miliardi di euro si perfezionerà  entro il primo trimestre 2014 dopo il via libera del consiglio di amministrazione di Nokia.