Manager: ecco le 10 regole per battere la crisi

di Andrea Barbieri Carones

scritto il

Terry Leahy, ex CEO Tesco, dice ai manager come raggiungere il successo personale e aziendale: obiettivi ambiziosi e rapido cambiamento di strategie.

Trasformare i punti deboli in punti vincenti, imparando a crescere basandosi sui propri difetti e sugli errori del passato. Una teoria o una pratica? Per molti è forse una illusione mentre per manager come Terry Leahy, ex CEO della Tesco, è pura realtà visto che proprio questi meccanismi gli hanno permesso di arrivare a guidare un gruppo di distribuzione con 2mila punti vendita, 273mila dipendenti in tutto il mondo e un fatturato globale che si avvicina ai 50 miliardi di euro, con un forte boom proprio sotto la direzione di mr Leathy, iniziata nel 1990 circa 60 dopo l’apertura del primo punto vendita.

Quali sono i segreti del successo di Tesco? Questo top manager di quasi 56 anni, entrò in azienda nel 1979 dopo che aveva fallito il primo colloquio di presentazione.

Da quel momento, è iniziata la sua carriera che gli ha portato quell’esperienza necessaria per capire dove puntare per emergere come manager. Qui di seguito, ecco una sorta di decalogo che ogni dirigente dovrebbe seguire per risultare vincente e per essere un leader.

1 – Capire come viene realmente percepita sul mercato l’azienda che si guida. Ogni attività di marketing e ogni tipo di prodotto offerto dovrebbe tararsi su quelli che pensano, vogliono e si aspettano i propri clienti.

2 – Porsi delle mete importanti e fare in modo che tutta l’azienda, dal top  manager alle maestranze, condividano gli stessi scopi e lavorino insieme per raggiungerli.

3 – Fissare pochi obiettivi ma ambiziosi. E fare di tutto per raggiungerli, trovando la strada giusta.

4 – Ascoltare i clienti e i dipendenti, trattando ciascuno come vorrebbe essere trattato, facendo tesoro dei suggerimenti. In altre parole: stabilire una sorta di rapporto fiduciario con tutti gli interlocutori.

5 – Mantenere un contatto diretto con i clienti, ascoltando le loro richieste e cercando di anticipare i loro bisogni e capendo con anticipo le tendenze globali relative al proprio settore di appartenenenza. Il punto cardine è che i clienti cambiano più in fretta delle aziende.

6 – Il passo successivo è quindi di guardare sempre avanti e sempre lontano per non farsi trovare impreparati ai cambiamenti del mercato, trasmettendo fiducia sempre e comunque ai propri clienti soprattutto ora che gli acquisti via web si fanno sempre più importanti. Fare attenzione anche ai messaggi che si trasmettono: l’immagine e la reputazione sono fondamentali, purché alle spalle ci sia sostanza.

7 – Guardare sempre i propri concorrenti, studiandoli nelle loro mosse per capire i loro comportamenti e imparare dove sbagliano e dove invece lavorano bene.

8 – In azienda, qualsiasi cambiamento deve coinvolgere tutti i dipendenti facendo sempre capire che si fa parte della stessa squadra. Prima di cambiare, ascoltare anche i clienti per capire se gradiscono la novità. Immoprtante: non è mai troppo tardi per cambiare rotta o strategia.

9 – Raccogliere sempre tante informazioni, sul mercato, sui clienti e sulle tendenze per cercare sempre di creare servizi su misura (al Paese in cui si opera, al target di clientela, alla città o al quartiere in cui ci si trova, al prodotto che si vende, alle novità del settore)

10 – Per ottenere la leadership occorre motivare i dipendenti a raggiungere lo stesso scopo. L’azienda è come una squadra di calcio o di basket: per vincere una competizione, occorre che ciascuno dia il meglio di sé.