Air Berlin taglia posti di lavoro e velivoli

di Teresa Barone

scritto il

La compagnia aerea low cost tedesca in piena crisi annuncia nuovi licenziamenti e la riduzione degli aeromobili.

Air Berlin, terza compagnia europea low cost, ha reso noto un piano di tagli che colpirà non solo i posti di lavoro ma anche gli stessi aeromobili. Il fine è quello di ottenere un risparmio di risorse fino a 400 milioni di euro entro il 2014.

=> Leggi il piano di tagli messo in atto da Iberia

900 posti di lavoro andranno in fumo, mentre la flotta sarà ridotta da 170 a 142 velivoli. Queste sono le cifre del piano di ristrutturazione annunciato dalla compagnia aerea tedesca, necessario per tentare di risollevarsi dopo un quinquennio caratterizzato da bilanci in rosso.

I licenziamenti coinvolgeranno in primo luogo piloti e copiloti, in misura minore il personale di cabina e il personale di terra, così come gli addetti al settore amministrativo.

=> Leggi le cifre degli esuberi di Alitalia

Tra le rotte che il vettore tedesco renderà prioritarie compaiono le principali tratte della stessa Germania, ma anche quelle che coinvolgono Austria e Svizzera. Fuori dall’Europa Air Berlin mira invece a salvaguardare Maiorca.

La notizia ha portato all’incremento delle azioni di Air Berlin (si parla di uno 0,6 per cento a 1,70 euro), ma secondo le ultime indiscrezioni lo scoperto della compagnia aerea è tale da produrre un rosso di 350 milioni all’anno, tanto che solo nei primi nove mesi del 2012 avrebbe perso 102 milioni di euro.