Un manager per il cambiamento

di Chiara Basciano

scritto il

Il change manager officer, una figura che aiuta ad affrontare la trasformazione aziendale

Una figura da noi poco diffusa ma che risulta indispensabile laddove si stanno mettendo in atto ristrutturazioni aziendali:il change manager officer.

=> Leggi la guida per la trasformazione

Direttamente dal sistema anglosassone dovrebbe entrare a far parte delle nostre società, per permettere di risolvere tutte le problematiche legate al cambiamento. I processi di trasformazione infatti sono spesso decisi dall’alto, senza un coinvolgimento di tutte le sezioni coinvolte direttamente nel lavoro e nella nuova strategia.

=> Scopri come superare la paura del cambiamento

Ciò porta a notevoli difficoltà di gestione, oltre a resistenze di tipo psicologico. Il CMO invece aiuta proprio a sviluppare una comunicazione trasversale, creando un ambiente di lavoro più collaborativo. Deve avere una visione d’insieme, riuscendo a capire la strada che l’azienda deve prendere e come superare eventuali ostacoli. Il suo lavoro deve coinvolgere più figure, creando un team di lavoro che sia trasversale.

=> Vai alle competenze chiave per il cambiamento

Per gestire il cambiamento, inoltre, il CMO deve saper affidare diversi compiti agli attori coinvolti, tenendo conto delle competenze di ognuno e veicolando la trasformazione in maniera non traumatica. Farsi aiutare dalla tecnologia per veicolare le trasformazioni è un ulteriore passaggio decisivo e purtroppo l’Italia ancora stenta a decollare in questo campo, anche a causa dell’età media delle dirigenze, meno inclini al “nuovo”.