Growth hacking per il successo

di Chiara Basciano

scritto il

La crescita come unico obiettivo, ma con un occhio al cliente.

In un mondo in cui il mercato corre ad altissima velocità riuscire ad avere l’idea giusta e realizzarla in tempi brevi richiede una grande energia. Ma se il modello classico di azienda esigeva tempi lunghi ed ingenti investimenti lo scenario oggi appare diverso e innovazione e crescita rapida sono i dettami odierni.

In questo panorama nasce il growth hacking, termine coniato nel 2010 dall’imprenditore Sean Ellis, per definire le imprese il cui unico obiettivo è la crescita. Tutto ciò che viene pensato, programmato e realizzato deve rispondere a requisiti specifici in termini di impatto sulla crescita scalabile. Questo tipo di approccio rifiuta il marketing tradizionale e punta a farsi pubblicità a basso costo, magari impostando campagne di marketing virale e facendo leva su canali già esistenti.

Il cliente diventa il modo migliore di raggiungere più persone, utilizzando il passaparola e i social network, anche in maniera aggressiva. L’approccio non è mai del tutto definito, si tratta di un work in progress continuo, in cui si accetta di cambiare strada in corsa e di migliorare l’offerta grazie al contributo attivo dei clienti. Infatti uno dei segreti del growth hacking è chiedere ai clienti stessi cosa pensa di quello che si sta proponendo, lavorando con essi per migliorare.

In questo modo i clienti diventeranno parte attiva del marchio e verrà incoraggiata la fidelizzazione, in cui l’utente si trasforma in membro del marchio, garantendo una base solida da cui partire.