Errori di gestione del tempo

di Chiara Basciano

scritto il

Piccoli consigli per imparare a non perdere tempo a lavoro.

Tutti sappiamo che gestire meglio il nostro tempo ci permette di lavorare in maniera produttiva, ma individuare gli errori che si fanno quotidianamente è più complicato. Se si ha la sensazione di aver dimenticato qualcosa di importante da fare certamente non si sfruttano le potenzialità di una lista.

=> Vai a tempo e obiettivi

Avere nero su bianco gli impegni quotidiani, elencati per priorità aiuta a tenere tutto sotto controllo. Ma le voci devono essere specifiche, non ci si può limitare ad indicazioni generali che potrebbero generare una lista di cose da fare parallela, creando così confusione. Anche la definizione degli obiettivi aiuta a gestire meglio il tempo, anche in questo caso individuano le priorità.

=> Leggi come organizzare il tempo

Si può decidere di puntare ad obiettivi a breve, medio o lungo termine, ma in ogni caso sarà bene decidere da subito di quali si tratta. Dirlo a parole è facile, ma capire quali sono davvero le priorità è un altro paio di maniche. Con il tempo e l’esperienza si capirà a cosa dare peso e cosa invece può attendere. Le distrazioni sono le nemiche numero uno della gestione del tempo corretta. Bisogna imparare a prendersi le giuste pause ma ad evitare cose inutili che sembrano rilassarci in quel momento ma che fanno volare il tempo, mettendoci ansia quando ormai è troppo tardi, come la chat o le pagine social.

=> Scopri come padroneggiare il tempo

Anche il multitasking può essere una trappola, dà l’illusione di portare aventi attività parallele ma rischia di non farne concludere nessuna. Concentrarsi di volta in volta su una singola cosa permette di raggiungere risultati migliori in breve tempo. Infine bisogna capire quando si è produttivi, c’è chi preferisce la mattina presto e chi invece ci mette un po’ a carburare senza contare quelli che amano lavorare di notte. Ad ognuno il suo momento, basta trovare quello giusto.

Fonte immagine Shutterstock

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!