I segreti del leader

di Chiara Basciano

scritto il

Da una ricerca escono fuori i tratti che caratterizzano i leader in ogni parte del mondo

Il sondaggio condotto da Page Executive – Brand di PageGroup specializzato nel recruitment di figure Executive – su quaranta senior executive di tutto il mondo, con posizioni di leadership è riuscito a ritrarre il leader ideale.

=> Scopri come diventare un leader di successo

Sono sette i tratti distintivi che si sono rintracciati in tutti gli intervistati e che ogni leader dovrebbe possedere. Prima di tutto il leader deve avere una visione globale dell’azienda e del percorso che dovrà percorrere nei prossimi cinque anni, e, cosa ancora più difficile, deve essere capace di coinvolgere i dipendenti, rendendo la sua visione condivisa. Non può mancare la capacità di tenere unito il team, soprattutto in aziende molto grandi e con una forte delocalizzazione. Il leader ideale deve essere “agile” nel senso di facilità di movimento, in modo da conoscere i mercati stranieri.

È necessaria una forte empatia con i dipendenti, il leader, infatti, non dovrebbe essere mai percepito come il capo, ma come uno della squadra. Rimarrà di certo inditero il leader che non è capace di essere trasversale, valore fondamentale per poter agire in diversi settori dell’azienda. Deve poi saper gestire l’immagine dell’azienda, favorendo trasparenza e correttezza, per questo deve saper gestire la comunicazione digitale. Ultimo lato fondamentale è l’interazione, intesa come capacità di identificare nuove opportunità e di giusta ripartizione delle responsabilità.

=> Leggi le abitudini del leader

Riguardo al tema dell’indagine Maximilian Redolfi, Director di Page Executive, dice «Oggi essere leader non può più significare semplicemente dare ordini ai propri sottoposti. Il vero talento di un leader è quello di saper gestire al meglio le sinergie del team, valorizzando il singolo componente per ottenere un risultato finale più che soddisfacente – spiega Maximilian Redolfi – Director di Page Executive. Anche le doti personali del leader devono conformarsi alla contemporaneità, che è fatta di mobilità geografica ed elasticità mentale, di innovazione digitale, ma soprattutto di empatia tra individui, elemento quest’ultimo che proprio a livello di leadership non va dimenticato».