È tempo di engagement

di Chiara Basciano

scritto il

Cresce l'attenzione nei confronti dei propri dipendenti

«Il perdurare della crisi ha avuto importanti riflessi all’interno delle organizzazioni aziendali soprattutto per quanto riguarda nuovi valori e nuove modalità nel rapportarsi con le persone. Da qui, la necessità dei responsabili HR di affrontare nuove esigenze e rimodellare disegni e modelli relazionali.

=> Scopri i fattori che creano engagement

Ecco quindi l’importanza sempre maggiore del motivare i dipendenti con argomenti e strategie che vanno oltre la retribuzione; creare una fidelizzazione importante dei talenti migliori; gestire le competenze e l’esperienza dei senior; prestare attenzione a una corretta pianificazione delle carriere, seguendo il principio che un ambiente di lavoro ottimale è un elemento competitivo in grado di favorire la crescita non solo professionale, ma anche personale e umana delle persone, e questo si traduce, a sua volta, in potenzialità di sviluppo e crescita anche a livello aziendale», con queste parole Alessio Tanganelli, Country manager Italia di Top Employers Institute, spiega la crescente attenzione nei confronti dell’engagement che è stata messa in evidenza proprio da Top Employers.

=> Cosa evitare nel customer engagement

Una loro ricerca dimostra come le cinque priorità aziendali siano, in ordine di importanza: engagement, cambiamento culturale e organizzativo, gestione del talento, sviluppo della leadership, apprendimento e sviluppo. La ricerca inoltre mette in evidenza come l’attenzione nei confronti della carriera riguardi ora tutti i diversi livelli, mentre prima era una caratteristica delle posizioni più alte. Lo sviluppo dell’engagement va di pari passo con la comunicazione aziendale, sono sempre di più, infatti, le aziende attenta a far conoscere i loro valori e a comunicarli nel giusto modo. Il modello etico entra a far parte di ogni categoria, aiutando uno sviluppo armonico delle aziende.

=> Leggi l’importanza dell’engagement

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito