Dipendenti ritardatari, e poco sinceri

di Teresa Barone

scritto il

Cosa motiva il ritardo dei dipendenti? Quali sono le conseguenze in azienda? Gli esiti di un?indagine Careerbuilder.

Che sia a causa del traffico, dell’auto in panne o di qualsiasi altro motivo, arrivare sul posto di lavoro in ritardo può capitare anche ai migliori dipendenti.

=> Scopri perché nelle assenze il privato supera il pubblico

Secondo un’indagine condotta da Careerbuilder, tuttavia, nel 30% dei casi il datore di lavoro viene informato inesattamente in merito alle cause del ritardo, infatti i dipendenti tendono a mentire riguardo le vere motivazioni che li hanno portati a fare tardi.

Il sondaggio, basato sulle opinioni di circa 2100 responsabili delle risorse umane e più di 3000 lavoratori, mostra come questa tendenza a mentire nasca dalla paura delle ritorsioni da parte del capo, tanto che secondo il 40% degli intervistati un forte ritardo potrebbe portare direttamente al licenziamento.

Ma come reagiscono i datori di lavoro ai ritardi dei dipendenti? Se un terzo degli intervistati ha ammesso di non “punire” un ritardo occasionale, purché non diventi un’abitudine, il 16% afferma di non valutare i dipendenti sulla base della loro puntualità.

=> Leggi perché il licenziamento è ok per le assenze ingiustificate

Per quanto riguarda le motivazioni più diffuse proposte dai lavoratori poco puntuali, al primo posto tra le scuse maggiormente popolari compare il traffico, seguito dalla carenza di sonno e dalle avversità atmosferiche. E ancora, i possibili problemi pratici dei dipendenti con prole da accompagnare a scuola, il trasporto pubblico inefficiente e, infine, le difficoltà a scegliere il look giusto ogni mattina.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari