Discriminazione sul lavoro: a che punto siamo?

di Teresa Barone

scritto il

Maggiore valorizzazione delle diversità ma anche episodi di discriminazioni sul lavoro: la situazione italiana.

Si moltiplicano le iniziative aziendali volte a promuovere e valorizzare le diversità, contrastando qualsiasi forma di discriminazione sul lavoro: l’Italia, tuttavia, è ancora lontana dal diventare un Paese aperto e caratterizzato una cultura inclusiva.

=> Il gender gap blocca l’economia

Lo si evince dall’indagine promossa da Randstad, il Workmonitor trimestrale realizzato in 33 Paesi mondiali. Se l’87% dei lavoratori intervistati ammette di apprezzare la diversità in ambito professionale, il 72% sostiene che i datori di lavoro siano sulla buona strada (un dato di poco inferiore alla media mondiale, pari al 77%, e lontano dalla percentuale relativa al Nord Europa, vale a dire 81%).

Un preoccupante 27%, tuttavia, racconta di aver subito personalmente discriminazioni sul lavoro, spesso relativi alle differenze di genere ma anche all’orientamento sessuale o religioso, così come all’etnia di appartenenza.

«La fotografia scattata dal Workmonitor sulla discriminazione nei luoghi di lavoro – sottolinea Valentina Sangiorgi, Hr Director di Randstad Italia – ci restituisce, secondo il punto di vista dei lavoratori italiani, la prospettiva di una cultura generalmente aperta e inclusiva. Una buona notizia per il business, poiché molti studi hanno dimostrato come team diversificati producano migliori prestazioni e maggior coinvolgimento dei dipendenti. Ma la nostra indagine avverte anche sul fatto che, in Italia come in tutto il mondo, una cultura improntata all’inclusione non è sufficiente a metterci al riparo da esperienza di discriminazione, che si riscontrano ancora con troppa frequenza. Le organizzazioni devono impegnarsi per superare ogni forma discriminatoria, con il coinvolgimento di tutti i livelli aziendale»

 

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari