Come affrontare la carenza di competenze

di Chiara Basciano

scritto il

Attrarre e tenersi stretti i talenti: le strategie delle Risorse Umane.

Riuscire a scovare i talenti migliori è solo il primo passo. Il difficile infatti è riuscire a trattenerli in azienda. Per questo per il settore delle Risorse Umane si incontrano sempre nuove sfide lungo il percorso.

=> Leggi come creare i talenti

Il Randstad Salary, Benefits and Workplace Trends Report mette in evidenza la problematica della carenza delle competenze, affrontata in maniera diversa dalle aziende. Per il 64% il modo migliore è investire nella formazione, il 31% conta invece di introdurre nuovo personale, mentre il 24% considera l’aumento di stipendi e benefits  – in particolare formazione (76%), pranzo in mensa (74%), bonus (71%) e crescita professionale (70%) – il modo migliore per trattenere i talenti più utili all’azienda.

=> Scopri i trend dei talenti

Marco Ceresa, Amministratore Delegato di Randstad Italia, spiega «La ricerca rivela come la vera emergenza, ma anche opportunità per le Direzioni Risorse Umane, sia quella di attrarre, coinvolgere e connettere comunità di lavoratori di talento. Proprio per la strategicità dell’argomento, oggi il top management occupa fino al 20% (fonte: The Economist) del suo tempo in attività di Talent Management sui collaboratori per i quali struttura strategie in cui viene identificato il potenziale, valutata la performance, l’esperienza aziendale e vengono effettuati piani di sviluppo teorici e pratici per creare i leader del futuro».

E proprio al manager è riconducibile il compito di instaurare un buon rapporto coi talenti. Secondo il  Report il leader deve saper motivare e ispirare gli altri ma anche avere la capacità di adattarsi alle nuove esigenze e costruire rapporti di fiducia.

=> Leggi la fuga dei talenti

Accanto a lui il comparto delle Risorse Umane deve trovare un nuovo modo di lavorare, adattandolo alle esigenze dei lavoratori e tenendo conto delle differenti generazioni presenti in azienda, generazione X, Y e baby boomers.

I Video di PMI