Generazioni a confronto

di Teresa Barone

scritto il

La convivenza multigenerazionale sul lavoro e le principali differenze viste dai manager.

Gli ambienti di lavoro sono popolati di lavoratori appartenenti a generazioni differenti, una convivenza senza dubbio stimolante che dà vita a un confronto proficuo, non sempre facile da gestire da parte dei datori di lavoro.

=> Gestire il gap generazionale

Una recente indagine promossa da Robert Half fa luce sulle diversità generazionali viste dai CFO e su come queste ultime si riflettono sul lavoro.

Al primo posto, tra le differenze tra i vari stili comportamentali e le qualità lavorative, spicca la capacità di comunicazione citata dal 30% degli intervistati.

Anche la predisposizione ad adattarsi ai cambiamenti è spesso differente tra i lavoratori di età diverse (26%), così come le abilità tecniche dimostrate sul lavoro (23%).

Solo il 7% dei manager interpellati, invece, afferma di non notare particolari caratteristiche dissimili.

Sono gli stessi esperti Robert Half a sottolineare gli effetti positivi di un ambiente di lavoro diversificato:

«Troppo spesso, i manager vedono queste differenze come negative, ma la costruzione di una squadra caratterizzata da diverse prospettive, idee e punti di forza può essere solo positiva, in grado di far nascere prodotti e livelli di servizio migliori.»

Fonte immagine: Shutterstock