Colleghi dominatori

di Teresa Barone

scritto il

Come gestire un collega che si comporta come se fosse il capo.

Tra le varie tipologie di colleghi di lavoro più odiati non può mancare colui, o colei, che si comporta come se fosse il capo.

=> Sopravvivere in un mondo competitivo 

La sua presenza, spesso ignorata o sottovalutata  dal vero leader, rischia di creare conflitti tra colleghi e le conseguenze possono essere dannose per il lavoro e il benessere di tutti.

Il collega che si comporta come se fosse il boss fornisce direttive e feedback non richiesti, tende a suddividere le mansioni e ad attribuire ruoli nell’ambito dei progetti di squadra, limita la comunicazione e impedisce agli altri di avere voce in capitolo.

Come gestire i rapporti con questa categoria di colleghi? Cercare di comunicare con lui in modo diretto, ma non aggressivo, è il primo passo: pianificare un colloquio, illustrandogli gli episodi in cui ha avuto un comportamento autoritario pur non avendo i titoli per farlo, aiuta a limitare ogni possibile aggressività poco costruttiva.

Cercare il supporto di altri collaboratori è altrettanto fondamentale, mettendo insieme più voci che sottolineano il medesimo disagio ed evitando che il proprio commento venga percepito come attrito personale.

=> La motivazione arriva dai colleghi

Il vero capo, infine, rappresenta una risorsa alla quale appellarsi in situazioni di disagio che non è stato possibile risolvere senza il suo intervento: piuttosto che aggredire verbalmente il collega che si atteggia come un leader, è preferibile far capire al boss che si è interessati alle opportunità di crescita e sviluppo in azienda, così come a offrire un contributo maggiore per il team.

Fonte immagine: Shutterstock