Come far crescere un’azienda a conduzione familiare

di Floriana Giambarresi

scritto il

Ecco di seguito alcune strategie importanti per far crescere un'azienda a conduzione familiare: consigli per il successo.

Entrare in affari con i vostri cari potrebbe sembrare una proposta rischiosa, soprattutto quando si guardano le statistiche, ma vi sono alcune strategie a cui i proprietari possono guardare per far crescere l’azienda a conduzione familiare. Ecco quali.

=> Leggi 7 lezioni di home business

Nonostante i rischi potenziali, le possibilità di creare un’azienda a conduzione familiare di successo sono maggiori di quelle “tradizionali”, non in famiglia. Hanno dunque un vantaggio che si deve saper sfruttare: nessun altro vi conoscerà bene come la vostra famiglia e sono pochi i rischi che il vostro partner commerciale vi abbandoni. Sapete come motivare e ispirare gli altri membri, si ha una fiducia innata che nessuna somma di denaro potrebbe contare.

  • Identificate i punti di forza, determinando esattamente quali conoscenze e competenze ha ogni membro della famiglia e in che modo può contribuire al business. Se ad esempio voi non andate d’accordo con i numeri, sfruttate il fratello abile nella contabilità;
  • impostate aspettative chiare: conoscere i punti di forza di ciascuno contribuirà a definire i ruoli all’interno dell’organizzazione;
  • siate flessibili, come imprenditori dovete essere disposti a offrire aiuto quando è necessario. Potrete fare errori – specialmente nelle zone non di vostra competenza – ma rimanendo flessibili potrete imparare e crescere sia personalmente che professionalmente;
  • usate ogni errore per continuare a imparare e investite sulla formazione;
  • non portate il lavoro a casa: nelle aziende a conduzione familiare è particolarmente rischioso parlare di affari quando la famiglia si riunisce. 

Utilizzando queste strategie avrete una considerevole maggiore possibilità di arrivare al successo.

=> Scopri se è meglio usare un manager esterno in un’impresa familiare

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito