Valutare un mercato: le domande da porsi

di Floriana Giambarresi

scritto il

Quali sono le domande da porsi per valutare un mercato accuratamente prima di entrarvi? Ecco consigli per dirigenti.

Molti dirigenti d’impresa hanno difficoltà nello sviluppare una valutazione accurata di un mercato in cui sono già o in cui stanno pensando di entrare. Bisogna infatti comprendere qual è la dimensione potenziale del mercato, i comportamenti necessari per avere successo e come e quanto quel mercato è veramente raggiungibile, e perché. 

=> Leggi come fare le ricerche di mercato nel modo giusto

Valutare le opportunità di un mercato è indispensabile per ogni organizzazione: mentre è importante notare che non si potrà mai sapere tutto, ecco qui di seguito le domande chiave a cui è necessario rispondere al fine di prendere la decisione giusta.

  • Qual è la dimensione attuale del mercato? Qual è la sua dimensione potenziale? Intende crescere o calare e perché?
  • Quanta quota di mercato possiamo effettivamente ottenere? Ne varrà la pena per l’impresa, sia finanziariamente che in altri modi?
  • Quanto bene si inserisce il nostro prodotto nel mercato attuale? Possiamo creare un nuovo mercato per il nostro prodotto?
  • Se siamo già in un mercato, cosa ci ha reso di successo o cosa ci ha fatto fallire?
  • Quali sono le abitudini di acquisto del mercato e come possiamo sfruttarle?
  • Quali sono i diversi segmenti del mercato? Vogliamo competere in tutti o solo in alcuni di essi? Quali sono in crescita e quali no?
  • Chi sono i competitor sul mercato e perché i clienti acquistano da loro? Cosa dobbiamo fare per convincere i clienti a comprare da noi?
  • Che tipo di margini di profitto dovremo aspettarci in questo mercato? Si allineano agli obiettivi della nostra organizzazione?
  • Qual è il target di clienti?

Rispondendo a queste domande chiave sarà più facile valutare accuratamente un mercato e prendere una decisione in merito alla cosa migliore da fare.

=> Scopri come entrare in nuovi mercati

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!