Il difficile Natale dei manager svizzeri

di Chiara Basciano

scritto il

Viaggi esotici in alberghi extra lusso e spese pazze: così si svuotano, temporaneamente, le tasche dei manager svizzeri

I compensi sono sostanziosi eppure il consumismo non risparmia le tasche dei manager svizzeri che tendono a spendere più di quanto possono.

=> Vai al controllo sui manager svizzeri

Una frenesia che non lascia scampo e allora ecco che i manager non rinunciano a viaggi extra lusso o a regali miliardari e si vedono costretti a dare in cauzione la loro super macchina pur di raggranellare il necessario. Lo rivela Cedric Domeniconi, titolare della Auto-Phandhaus, titolare di una delle agenzie che concede prestiti ottenendo in garanzia le macchine.

=> Leggi il lusso non decresce

Naturalmente si tratta solo di una finta povertà, dovuta ad uno stile di vita che chiede troppo, infatti una volta ottenuti i bonus, qualche mese dopo, la maggior parte dei manager svizzeri torna a recuperare l’amata vettura.

Tutta colpa di un consumismo che non fa quadrare i conti neanche a chi percepisce compensi di altissimo livello. I manager che cadono in questo circolo vizioso sono definiti da Domeniconi i “poveri dell’Avvento”, e «in prevalenza danno in pegno Bmw, seguite dalle Mercedes e dalle Porsche. Un credito di 20 mila franchi (16 mila euro circa) ne viene a costare 1050 al mese».

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari