Tratto dallo speciale:

Stabilità 2016 con taglio IRES: la UE concede risorse

di Barbara Weisz

scritto il

UE apre alla flessibilità sui conti italiani, verso il finanziamento del taglio IRES 2016 nella Legge di Stabilità: ecco il calendario della manovra, che comincia l'iter di approvazione in Parlamento.

Junker vs Renzi
La UE apre all’Italia sull’utilizzo della
clausola migranti, che consente uno 0,2% di flessibilità sul rapporto Deficit/PIL nella Legge di Stabilità: significa 3,1 miliardi in più di risorse, per finanziare in primi l’anticipo parziale al 2016 del taglio IRES alle imprese.  Non c’è una decisione ufficiale, ma il presidente della commissione di Bruxelles, Jean Claude Juncker, ha dichiarato che, nei confronti dei paesi maggiormente impegnati sul fronte dell’emergenza immigrazione, le regole del patto di stabilità:

«contengono un margine di flessibilità che verrà utilizzato: se un paese fa uno sforzo straordinario, deve esserci un’interpretazione in linea con questo sforzo».

Non viene citata direttamente, ma il riferimento all’Italia è ritenuto abbastanza chiaro. La posizione di Bruxelles, in pratica, è quella di decidere caso per caso, in base alle risorse che i diversi Stati Membri stanno impegnando per l’emergenza immigrazione.

=> Stabilità 2016: numeri, impegni, risorse

Utilizzo risorse

Dunque, in vista c’è un via libera europeo alla richiesta italiana di uno 0,2% di flessibilità, che vale oltre 3 miliardi. Una somma che l’Esecutivo ha già dichiarato di voler utilizzare tramite la Legge di Stabilità per anticipare al 2016 un primo taglio (intorno all’1,5%) all’IRES per le imprese, che dovrebbe quindi scendere nel 2016 al 26% dall’attuale 27,5%. Nel 2017 ci completerà la riduzione prevista, attestandosi al 24%. Si attendono pertanto le decisioni ufficiali di Bruxelles, anche per capire se prevedere i correttivi del caso da inserire in Stabilità 2016.

=> Taglio IRES: il nodo dello sconto fiscale nel 2016

Iter Legge di Stabilità 2016

Intanto la manovra, approvata dal Consiglio dei Ministri dello scorso 15 ottobre, dopo la firma del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il deposito in Senato, inizia l’iter parlamentare (per l’approvazione, da parte di Camera e Senato, entro fine anno). La conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama ha fissato in calendario le comunicazioni del presidente Pietro  Grasso, in Aula al Senato, sull’apertura della sessione di bilancio: data prevista, 29 ottobre. La commissione Bilancio inizia il 28 ottobre l’esame del testo per i pareri.

=> Legge di Stabilità 2016: il testo depositato al Senato

Da lunedì 2 novembre i lavori proseguono con le audizioni (in commissione): lunedì saranno ascoltate le parti sociali (imprese e sindacati), martedì 3 novembre Corte dei Conti, ufficio parlamentare di Bilancio, Banca d’Italia e ISTAT, mentre mercoledì 4 novembre parlerà il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan.

=> Tutte le misure della Legge di Stabilità

La commissione ha tempo fino al 13 novembre per esaminare il testo: il termine per gli emendamenti è il 14 novembre. La settimana successiva (probabilmente, martedì 17 novembre) il testo della Legge di Stabilità 2016 approda nell’aula del Senato.

I Video di PMI

Incentivi auto ed ecotassa 2019-2021