Imponibilità IVA: rileva l’operazione, non la residenza fiscale

di Barbara Weisz

scritto il

L'imponibilità IVA dipende dal fatto che un'operazione avvenga in Italia, nel caso di cessione extra europea l'IVA si paga in entrata: sentenza Cassazione.

Un’operazione IVA è fiscalmente rilevante in Italia se è avvenuta nel territorio dello Stato, mentre non rileva il fatto che il cedente abbia residenza fiscale o stabile organizzazione in Italia: lo stabilisce la Corte di Cassazione con sentenza 8196 del 22 aprile 2015 relativa all’imponibilità IVA. Il caso riguardava una società con residenza fiscale fittizia negli Stati Uniti, a cui l’Agenzia delle Entrate, rilevata invece la residenza italiana con relativa applicazione della conseguente normativa fiscale, chiedeva una serie di imposte, fra cui l’IVA su esportazioni verso paesi extra-europei.

=> Stabile organizzazione: quando scattano le tasse

La Cassazione spiega che la Commissione Tributaria Provinciale, che in primo grado aveva dato ragione all’Agenzia delle Entrate, ha fatto erroneamente discendere dall’accertata residenza fiscale in Italia, e dal fatto che verosimilmente le operazioni erano avvenute nel territorio dello Stato, l’imponibilità IVA. Questo però, prosegue la sentenza, è in contrasto con gli articoli 7 ed 8 Dpr 633/72, in base ai quali per considerare un’operazione rilevante ai fini IVA bisogna che questa avvenga in Italia, e che il relativo criterio di collegamento è rappresentato dalla presenza del bene nel territorio italiano.

Per quanto riguarda più in particolare le operazioni con l’estero, il principio dev’essere quello di detassare beni in uscita e servizi connessi, applicando l’IVA italiana in entrata. Quindi, il presupposto fondamentale che bisogna sempre valutare ai fini dell’imponibilità IVA è la presenza dei beni in Italia e il fatto che questi non fossero oggetto di cessione a paesi extra-europei. (Fonte: sentenza Cassazione 8196/2015).

I Video di PMI