Scadenze fiscali di dicembre

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Tasse sulla casa (IMU, TASI e TARI, in molti Comuni), IVA, IRPEF e non solo: le principali scadenze fiscali che attendono i contribuenti nel mese di dicembre.

Sta per chiudersi l’anno 2015, ma anche nel mese di dicembre non mancano le scadenze fiscali e le tasse da pagare e in cima alla lista vi sono proprio le imposte più odiate: quella sulla casa, ovvero TASI, IMU e in molti Comuni anche la TARI.

IMU e TASI

L’appuntamento con le tasse sulla casa è fissato al 16 dicembre, quando i contribuenti dovranno versare il saldo TASI e IMU. Ricordiamo che la TASI deve essere pagata sia dal proprietario che dal detentore dell’immobile secondo le quote stabilite dal Comune di appartenenza. Dal 2016 la TASI sulla prima casa dovrebbe essere abolita, per effetto della Legge di Stabilità 2016. L’IMU deve essere versata per le seconde case, per gli immobili di lusso e per i terreni e le aree edificabili.

=> Saldo IMU-TASI 2015: le aliquote valide da applicare

TARI

La scadenza per il versamento della TARI, la tassa sui rifiuti, viene decisa autonomamente dai vari Comuni, molti dei quali l’hanno accomunata con quella per le altre imposte sulla casa.

IVA

Scadenza fiscale fissata al 16 dicembre anche per il versamento dell’IVA, che riguarda coloro che liquidano l’importo mensilmente, va effettuato tramite modello F24, inserendo il codice tributo 6001. Imprese e professionisti con il regime IVA ordinario devono invece versare entro il 28 dicembre l’acconto IVA, sempre utilizzando il modello F24.

=> Contabilità e Fisco: scadenze e guide

IRPEF

Il pagamento IRPEF, da effettuare entro il 16 dicembre, riguarda i sostituti d’imposta, i quali devono versare le ritenute alla fonte a titolo di acconto su:

  • i redditi da lavoro dipendente o assimilati corrisposti nel mese precedente;
  • i redditi da lavoro autonomo corrisposto nel mese precedente;
  • le provvigioni corrisposte nel mese precedente per rapporti di agenzia, mediazione, rappresentanza o commissione.

La stessa scadenza riguarda i successori delle persone decedute dopo lunedì 16 febbraio 2015, le quali dovranno versare il saldo per l’anno 2014 dovuto, in base alla dichiarazione UNICO 2015, dal soggetto deceduto, senza alcuna maggiorazione.

IRAP

Entro il 16 dicembre, i successori delle persone decedute dopo lunedì 16 febbraio 2015, devono inoltre versare l’IRAP a saldo per l’anno 2014 senza nessuna maggiorazione, a seconda della dichiarazione UNICO dell’anno 2015.

Elenchi INTRASTAT

Entro il 28 dicembre gli operatori intracomunitari dovranno presentare gli elenchi INTRASTAT sulle cessioni, gli acquisti e le prestazioni di servizi intracomunitari relativi al mese di ottobre.

.