Niente sequestro per evasione IRAP

di Francesca Pietroforte

scritto il

Evasione IRAP esclusa dal calcolo del profitto del reato e quindi non passibile di sequestro preventivo o confisca: norme e sentenze.

Secondo la Cassazione (sentenza 30 marzo 2016, n. 12810), la somma equivalente all’IRAP evasa non rappresenta profitto da illecito sequestrabile. Nel caso in oggetto (sequestro preventivo a carico del legale rappresentante di una Srl, per di omesse dichiarazioni ai fini IRES e IRAP), i giudici hanno riconosciuto l’erronea inclusione dell’IRAP nel calcolo del profitto del reato, escludendone l’importo dal sequestro preventivo disposto per il corrispondente valore.

=> Evasione IRAP senza reato penale

Profitto del reato

Sequestro e confisca per equivalente non possono infatti avere ad oggetto beni per un valore eccedente il profitto del reato: il valore delle cose sequestrate deve essere adeguato e proporzionale all’importo del credito garantito.

=> IRAP 2016: guida all’invio

IRAP e reddito

Conferma in tal senso la offre la Circolare del Ministero delle Finanze n. 154/E del 4 agosto 2000, che:

«motivava l’esclusione della dichiarazione IRAP con la natura reale di siffatta imposta, che perciò considera non incidente sul reddito».

=> Dichiarazione IRAP 2016: modelli e novità

I giudici hanno quindi rideterminato il profitto confiscabile depurato, in relazione agli anni di riferimento, dell’imposta IRAP.

I Video di PMI

Nuovo regime di cassa per imprese minori