Novità nelle sanzioni

di LavoroImpresa

scritto il

SanzioniCon la revisione del sistema sanzionatorio amministrativo si assisterà ad una generale riduzione del costo del ravvedimento. Questo perché dal momento in cui le modifiche cominceranno a produrre gli effetti, ossia dal 2017, verrà applicato il cosiddetto “principio della proporzionalità” inerente alle sanzioni sulle violazioni a bassa pericolosità fiscale. In pratica sanare la propria posizione con l’istituto del ravvedimento operoso potrebbe costare meno. Ma le novità non si fermano qui: ad essere interessati sono anche le violazioni nelle dichiarazioni, i crediti inesistenti e l’omessa registrazione degli atti.

=> Ravvedimento operoso

A partire dal 1° gennaio 2017 ravvedersi costerà meno: in caso di versamenti tardivi, se regolarizzati in tempi rapidi ossia nei 14 giorni successivi alla scadenza originaria, costerà solo lo 0,1% per ogni giorno di ritardo. Dal quindicesimo al trentesimo giorno si arriverà all’1,5% mentre per le violazioni sanate oltre il trentesimo giorno e fino al novantesimo si arriverà all’1,67%.

Violazioni nelle dichiarazioni

In caso di dichiarazione infedele la sanzione andrà dal 90% al 180% dell’imposta evasa. Qualora l’imposta accertata sia inferiore al 3% di quella dichiarata e comunque non superiore a 30.000 euro il nuovo sistema sanzionatorio, in vigore dal 2017, prevede la riduzione a 1/3 della sanzione base.

Crediti inesistenti

Qualora il contribuente utilizzi un credito d’imposta in misura superiore rispetto a quanto spettante, è comminata una sanzione pari al 30%. In caso di compensazione di crediti inesistenti la sanzione va dal 100% al 200% della misura dei crediti utilizzati, senza alcuna possibilità di definizione agevolata. Sono queste le novità apportate all’articolo 13 commi 4 e 5 del D.Lgs. 471/97.

Omessa registrazione degli atti

La revisione fiscale riscrive le sanzioni per l’omessa registrazione di atti e fatti rilevanti ai fini dell’applicazione dell’imposta di registro. Le nuove disposizioni prevedono l’abbattimento delle sanzioni se la registrazione verrà effettuata con ritardo non superiore a 30 giorni. In pratica se la richiesta di registrazione verrà effettuata con ritardo non superiore a 30 giorni verrà applicata le sanzione amministrativa dal 60% al 120% (la normativa previgente prevedeva un’imposta dal 120% al 240%) dell’ammontare dell’imposta dovuta con un minimo di 200 euro.

I Video di PMI

Le agevolazioni previste tramite ISEE