Censis: Italia nel 2030, disoccupazione e debito pubblico

di Noemi Ricci

scritto il

Nel 2030 in Italia ci saranno più anziani che giovani, con gravi ricadute occupazionali. Lo rivela il Censis, sottolineando la necessità di investire in occupazione e debito pubblico

Il Censis ha fotografato un futuro piuttosto inquetante per il nostro Paese: nei prossimi venti anni in Italia ci saranno sempre più anziani e meno giovani, con gravi ricadute in termini di disoccupazione. E il divario tra Nord e Sud sarà sempre più consistente. Nell’ambito dell’iniziativa “Un mese di sociale” il Censis ha suggerito anche le possibili soluzioni perchè l’Italia riesca a rimanere un grande Paese.

Cruciale per il nostro Paese sarà investire nel medio periodo (10 anni) su occupazione, creando 480 mila nuovi posti di lavoro l’anno, e la riduzione del debito pubblico sotto il 100%, investendo 12 miliardi di euro l’anno.

Tra venti anni si stima che la popolazione italiana arrivi a quota 62 milioni 129 mila persone, +3,2% rispetto a quella attuale. Ma la crescita non avverrà in modo uniforme: al Sud si registrerà un calo di residenti del -4,3% (890 mila abitanti), mentre al Centro-Nord cresceranno del +7,1% (2,8 milioni).

Buona parte della percentuale sarà frutto del fenomeno dell’immigrazione e non della natività. Infatti i giovani diminuiranno, secondo le previsioni, del -9,9% per i 18-34enni al 2020 e -10,30% (1 milione 235 mila) tra il 2010 ed il 2030, contro il +34,6% degli over 65. Dunqui i giovani rappresenteranno il 17,4% del totale della popolazione (oggi 20%), mentre gli over 65 costituiranno il 26,5% della popolazione.

Una situazione che porta inevitabilmente alla necessità di incrementare il tasso di occupazione, portandolo dall’attuale 57,5% al 57,9% nel 2020 e al 60,1% nel 2030. Sembra inoltre improbabile il raggiungimento dell’obiettivo della strategia di Lisbona (70% di occupati) per il quale sarebbe necessario un aumento del numero di occupati di 4 milioni 828 mila nel 2020 e la creazione di 480 mila nuovi posti di lavoro all’anno per i prossimi dieci anni.

I 12 miliardi di euro l’anno, necessari per portare il debito pubblico sotto la soglia patologica del 100% sono stati calcolati ipotizzando una crescita annua del Pil dell’1% costante per i prossimi dieci anni e ritenendo che essi siano recuperabili in parte grazie alla lotta all’evasione fiscale.

I Video di PMI