Contributo INPS per figli disabili: nuove istruzioni, domande entro marzo

di Redazione PMI.it

scritto il

Contributo mensile per genitori disoccupati o monoreddito a basso ISEE per figli disabili al 60% a carico: nuove istruzioni di domanda di sussidio INPS.

La domanda annuale per ottenere il nuovo contributo mensile INPS spettante ai genitori disoccupati o monoreddito che hanno a carico figli con disabilità non inferiore al 60% si presenta con procedura online entro il 31 marzo, per ciascuno degli anni 2022 e 2023. A fornire nuove istruzioni è la Circolare n.39 del 10 marzo, che analizza in dettaglio il nuovo sussidio e ne spiega il funzionamento, i requisiti e la domanda.

Contributo figli disabili

Introdotto dalla Legge di Bilancio 2021 (art. 1, commi 365 e 366, Legge 178/2020, modificato dall’art. 13 bis, comma 1, del DL 41/2021, convertito nella Legge 69/2021), il contributo INPS per figli disabili prevede il riconoscimento di un aiuto economico da 150 a 500 euro netti al mese, al genitore disoccupato o facente parte di un nucleo familiare monoparentale con figli a carico, per ciascuno degli anni 2021-2023, purché abbia un ISEE fino a 3mila euro annui.

Beneficiari e requisiti

Per genitore disoccupato si intende il soggetto «privo di impiego o con un reddito da lavoro dipendente che non supera gli 8.145 euro all’anno o con un reddito da lavoro autonomo inferiore ai 4.800 euro all’anno», mentre per genitore monoreddito colui che guadagna solo tramite attività lavorativa o pensione. Il provvedimento attuativo dello scorso ottobre aveva già disciplinato i criteri per individuare la platea dei beneficiari e le modalità di presentazione della domanda di contributo e di erogazione dell’indennità, che sarà corrisposta dall’INPS  previa istanza telematica da presentare ogni anno per via telematica, auto-dichiarando i requisiti (tramite apposito servizio INPS).

Per presentare domanda occorre avere l’ISEE in corso di validità non superiore a 3mila euro annui (per il figlio minorenne l’indicatore è calcolato in base alle regole dell’art. 7 del DPCM n. 150/2013). In tutto ci sono 5 milioni di euro a disposizione per ogni annualità: sarà data priorità alle richieste con ISEE inferiore e minore età del figlio. Per i dettagli, si può consultare il Decreto. Il sussidio sarà di 150 euro netti al mese, con decorrenza 1° gennaio 2021. Se i figli a carico con disabilità non inferiore al 60% sono due l’importo sale a 300 euro, e così via fino ad un tetto massimo di 500 euro mensili (importo massimo).

Domanda assegno INPS

A partire dal 1° febbraio 2022 la procedura di domanda per il sussidio ai genitori monoreddito o disoccupati con figli disabili è disponibile online sul portale istituzionale www.inps.it, con accesso tramite SPID di secondo livello, CIE o CNS,, dal seguente percorso: menu “Prestazioni e servizi” > “Servizi” > “Contributo genitori con figli con disabilità”. Per i Patronati, il servizio è presente all’interno del “Portale dei Patronati”. È necessario indicare le modalità di pagamento:

  • bonifico domiciliato presso ufficio postale;
  • accredito su IBAN (è possibile indicare IBAN nazionali o esteri su circuito SEPA) di conto corrente bancario, di carta ricaricabile o di libretto postale.

Prima di ogni pagamento l’INPS provvederà alla verifica della correttezza dell’IBAN fornito e alla verifica della corrispondenza fra il beneficiario del pagamento e il titolare del conto o carta prepagata. In caso di esito negativo verrà inviata una notifica tramite SMS o email.

Il termine ultimo annuale per la presentazione della domanda è fissato al 31 marzo.

Arretrati

Esclusivamente per l’anno di competenza 2022, il richiedente può presentare domanda anche per l’anno 2021, selezionando  “Dichiaro di voler presentare domanda anche per l’anno 2021”.  Per gli arretrati, l’INPS comunicherà in un secondo momento i tempi e le modalità di erogazione. L’istruttoria verrà completata comunque entro l’anno e sempre entro il 2022 si provvederà al pagamento di tutte le mensilità maturate.

Pagamento del contributo

Per le domande si procede all’emissione dei pagamenti di competenza 2022 con cadenza di ratei mensili. Il contributo sarà liquidato, con cadenza mensile, per un importo pari a 150 euro da gennaio e per l’intera annualità. Nel caso di più figli con i requisiti per il sussidio, l’importo riconosciuto sarà pari a:

  • 300 euro mensili, nel caso di due figli;
  • 500 euro mensili, nel caso in cui i figli disabili siano più di due.

In caso di risorse insufficienti, sarà data priorità alle domande con ISEE più basso. A parità di reddito, ai nuclei con figli minori non autosufficienti. A seguire: figli con disabilità di grado grave e grado medio.