Tratto dallo speciale:

Cassa Integrazione FNM: cosa sapere

di Redazione PMI.it

scritto il

L'emergenza Coronavirus ha generato conseguenze e riduzioni anche per il settore ferroviario e dei trasporti: le misure del Decreto Cura Italia.

FNM è il principale Gruppo integrato nel trasporto e nella mobilità in Lombardia, regione tra le più colpite dall’attuale pandemia da Coronavirus. È il secondo operatore ferroviario italiano dopo Ferrovie dello Stato Italiane, nonché il più importante investitore non statale italiano del settore.

FNM S.p.A. è una società per azioni italiana nel settore della mobilità integrata, strutturata come una holding, che svolge funzioni di direzione e coordinamento strategico-operativo per tutte le società controllate.

La società è quotata alla Borsa di Milano, con un capitale azionario detenuto per il 57,57% da Regione Lombardia, per il 14,5% da Ferrovie dello Stato Italiane, per il 3,078% da Aurelia S.p.A. (Gruppo Gavio), mentre il restante 24,902% è in mano a privati.

=> Mappa Coronavirus: la situazione in Italia ad aprile 2020

Cassa Integrazione FNM

La grande epidemia italiana da Coronavirus ha generato non poche conseguenze anche per le aziende del settore ferroviario, come Fs, Italo, Trenord e Ferrovie Nord, e quelle del settore dei trasporti che si sono trovate a dover fronteggiare condizioni organizzative molto complesse e prive di precedenti. Il lockdown italiano ha generato in queste aziende la necessità di disporre riduzioni e/o sospensioni dei servizi resi e di attivare gli strumenti di sostegno al reddito previsti con la decretazione d’urgenza.

=> Lockdown: impatto economico da Nord a Sud

Con il decreto Cura Italia, il D.L. 18/2020, emanato per far fronte alle conseguenze economiche del lockdown, il Governo ha infatti approntato una serie di misure e ammortizzatori sociali, anche a sostegno degli autotrasportatori che, insieme a tante altre categorie, stanno continuando a lavorare per garantire la tenuta economica e sociale del Paese, e più in generale per tutti i gestori di trasporto merci e trasporto passeggeri, terrestre, aereo e marittimo, dei taxi e delle imprese di noleggio con conducente.

=> Cassa in deroga Covid-19: la corretta procedura INPS

In particolare per l’intero settore è stata estesa la cassa integrazione. Le imprese del settore ferroviario hanno chiesto ai sindacati di approvare il ricorso all’assegno ordinario “speciale”, con causale “COVID-19”, dedicato specificamente all’emergenza sanitaria in atto.

Le altre misure per il settore dei trasporti contenute nel CuraItalia prevedono:

  • la sospensione fino al 30 aprile i versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali, insieme agli adempimenti tributari con scadenza compresa tra l’8 marzo 2020 ed il 31 maggio 2020;
  • l’esonero dalla tassa di ancoraggio fino al 30 aprile prossimo, che verrà rimborsata all’Autorità di sistema portuale mediante il trasferimento di risorse pubbliche;
  • la sospensione dei canoni relativi alle operazioni e concessioni portuali fino al 31 luglio;
  • il differimento del pagamento dei diritti doganali per alcune categorie di operatori professionali;
  • l’autorizzazione fino al 31 ottobre la circolazione dei veicoli che devono essere sottoposti a revisione entro il 31 luglio.

I Video di PMI

Reddito di cittadinanza: requisiti e sussidio