Tratto dallo speciale:

Lockdown: impatto economico da Nord a Sud

di Redazione PMI.it

scritto il

Impatto economico dell'emergenza Coronavirus, con effetti su occupazione, redditi e fatturato per dipendenti, autonomi e Partite IVA: report Svimez.

L’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus sta colpendo maggiormente le regioni del Nord Italia, tuttavia l’impatto sociale e soprattutto economico è condiviso da tutto il Paese.

Secondo il report Svimez, il lockdown costa complessivamente 47 miliardi al mese, rispettivamente 37 al Centro-Nord e 10 al Sud.

In pratica si tratta di 788 euro pro capite al mese nella media nazionale, 951 euro al Centro-Nord contro i 473 al Sud.

Vediamo i numeri.

Scenario italiano

Nella media nazionale, escludendo Agricoltura, Attività finanziarie e assicurative e Pubblica Amministrazione, si registra una perdita del 50% per fatturato, valore aggiunto e occupazione. Il blocco colpisce industria, costruzioni, servizi e commercio con pochissime eccezioni.

In termini di valore aggiunto, è più colpito il Nord ( 49,1%, circa 6 punti  in più rispetto al Centro e al Mezzogiorno). In termini di occupati interessati la forbice si annulla tra Nord e Sud: 53,3% nel Nord, 51,1% al Centro e 53,2% nel Mezzogiorno. Nel Mezzogiorno, però, le unità locali interessate dal lockdown raggiungono il 59,2% a fronte del 56,7 e del 57,2% rispettivamente nel Centro e nel Nord.

Effetti sul lavoro

Analizzando le conseguenze del lockdown sull’occupazione, tenendo conto anche del sommerso sono coinvolti dal blocco delle attività il 34,3% degli occupati dipendenti e il 41,5% degli indipendenti.

È al Nord che l’impatto sul lavoro dipendente sembra essere più intenso che nel Mezzogiorno (36,7% contro il 31,4%). Gli indipendenti fermi sono circa 2,5 milioni di lavoratori, oltre 1,2 milioni al Nord, oltre 500 mila al Centro, quasi 800 mila nel Mezzogiorno.

Protagonisti sono prevalentemente autonomi e Partite IVA, oltre 2,1 milioni complessivamente di cui 1 milione al Nord, oltre 400 mila al Centro e quasi 700 mila nel Mezzogiorno. Le perdite di fatturato e reddito lordo operativo sono relativamente uniformi a livello territoriale.

Previsioni future

Per quanto riguarda le previsioni sul PIL per il 2020 causati dalla crisi Coronavirus, Svimez ipotizza un calo dell’8,4% per tutta la Nazione ma prendendo in considerazione gli effetti del solo “Cura Italia”, mentre il rischio di default potrebbe essere maggiore per le medie e grandi aziende del Sud.

Il blocco improvviso e inatteso coglie impreparate le molte imprese meridionali che non hanno ancora completato il percorso di rientro dallo stato di difficoltà causato dall’ultima crisi.

I Video di PMI

Guida alle ferie aziendali