Tratto dallo speciale:

Banda Larga: Il rapporto ONU 2012

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Rapporto ONU 2012 sullo stato della Banda Larga nel mondo: in Italia il Broadband raggiunge circa il 30% della popolazione ma ne uso solo la metà, tante imprese ancora vittime del digital divide.

La Broadband Commission for Digital Development dell’ONU ha presentato il rapportoState of Broadband 2012 Report: Achieving Digital Inclusion for All”, che traccia linee di sviluppo e prospettive di diffusione della Banda Larga in 177 economie mondiali.

L’Italia è 29esima, con una penetrazione della banda larga fissa pari al 22,8%; se si considera la sola disponibilità di una connessione mobile, allora si passa a 31,3 persone raggiunte su 100, valore che porta l’Italia in 35esima posizione.  Per le imprese la situazione oggi non è certo rosea:

Banda larga nei distretti industriali italiani insufficiente: dati 2012

Tuttavia, solo il 56,8% della popolazione utilizza Internet, valore che porta il Paese in 47esima posizione e che appare decisamente sconfortante se rapportato alle prime posizioni della classifica: in Islanda, Norvegia e Paesi Bassi la percentuale è infatti rispettivamente del 95, 94 e 92,3%.

Internet in Italia: i dati sulla diffusione nel 2012

A livello globale, a fine 2011 erano 589 milioni gli abbonamenti alla banda larga fissa a livello globale e quasi un miliardo le connessioni broadband mobile (il 18,3% del totale).

Le sottoscrizioni alla banda larga mobile crescono al ritmo del 60% l’anno e potrebbero superare i 5 miliardi nel 2017, soprattutto grazie al traino di Paesi quali Africa e Medio Oriente.

In quanto motore essenziale di crescita economica e sociale, dunque, il Broadband resta al centro delle politiche comunitarie per promuoverne l’adozione.  Nonostante i continui progressi, infatti, lo sviluppo della banda larga esige ancora molto lavoro. Per accelerare questo processo a vantaggio di  famiglie e imprese occorre operare in tre direzioni:

  1. sviluppare le competenze,
  2. potenziare le infrastrutture di telecomunicazione,
  3. migliorare il quadro giuridico e normativo.

Vai al Rapporto State of Broadband 2012 Report

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso