Fennec Beta 1: estensioni e velocità per il browser mobile di Mozilla

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Fennec, il browser mobile di casa Mozilla, è arrivato allo stadio beta1 portando con sé significative migliorie sul versante delle performance e aprendosi alle estensioni che hanno fatto la fortuna di Firefox

Mozilla ha rilasciato nei giorni scorsi la versione Beta 1 di Fennec, il suo browser mobile che punta a imporsi nel mercato della connettività wireless, servizio crescente tra gli utenti business.

Obiettivo della nuova release, incrementare performance e usabilità con l’introduzione del veloce motore JavaScript TraceMonkey e di alcune funzionalità tipiche di Firefox.

A tale scopo, la Beta 1 di Fennec si arricchisce della Smart URL Bar (“awesome bar”), già presente all’interno del “fratello maggiore” e del supporto alle estensioni, vero punto di forza di Firefox.

Di suo, Fennec introduce ulteriori migliorie nelle capacità di zoom e scorrimento delle pagine Web.

Il nuovo motore Javascript battezzato TraceMonkey, il cui debutto è atteso con il rilascio della versione 3.5 di Firefox, garantisce all’applicativo un notevole boost prestazionale, rendendolo così in grado di lavorare dignitosamente anche all’interno di piattaforme poco performanti, quali smartphone e MID.

Con il rilascio della versione beta, Mozilla spera di incentivare il feedback da parte di utenti e sviluppatori, incoraggiando quest’ultimi a sviluppare il porting delle estensioni già attualmente esistenti per Firefox o a crearne di nuove e ottimizzate per il settore mobile.

Attualmente però, il limite principale di Fennec sembra risiedere nel numero esiguo di dispositivi mobile supportati e relativi sistemi operativi: la beta1 risulta infatti al momento indirizzata solamente ai dispositivi Nokia N810 Internet Tablets.

Ad ogn modo, è possibile testare il prodotto sotto Windows, Mac OS X e Linux, seppure al di fuori del suo ambiente naturale e senza il supporto da parte della casa madre.

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi