Blackberry, ecco la nuova conference 2.0

di Barbara Weisz

scritto il

Rim presenta la Blackberry Mobile Conferencing versione 2.0, nuova app che migliora e semplifica le operazioni per le conference dallo smartphone.

Per chi ha il BlackBerry, si perfezionano le conference 2.0. Nel senso che Rim, Research in Motion, l’azienda che produce lo smartphone molto usato per il business, ha fatto uscire una nuova applicazione che rende più facile la gestione delle conference call dal telefonino. Si chiama BlackBerry Mobile Conferencing versione 2.0, è gratuita, e comprende una serie di milgioramenti pensati per chi ha l’abitudine di organizzare conference in modalità mobile.

Fra le novità di questa app per il Blackberry, la possibilità di trasformare un indirizzo e-mail in una chiamata per una conferenza utilizzando i dettagli relativi dell’utente.

Vengono poi automatizzate tutta una serie di operazioni che ora richiedono un pò di tempo: inserire più numeri in una chiamata, codici di identificazione, o altri codici. D’ora in poi, basterà un semplice click su “Join now“. Automatica anche la capacità di riconnettersi rapidamente nel caso in cui cada la linea durante la conference.

La nuova app include un calendario che consente di pianificare direttamente.

La nuova Conferencing Mobile BlackBerry è scaricabile da App World, le aziende possono inviarla direttamente ai dipendenti attraverso il BlackBerry Enterprise Server.

E’ facilitato il controllo delle conference a cui si partecipa, attraverso l’apposito registro delle chiamate. Quando l’utente entra in una conference call, il soggetto della chiamata appare come l’ID che chiama. Quando la chiamata è terminata, il soggetto in conference appare nel registro delle chiamate dell’utente. I profili di conference sono stati aumentati a dieci: si possono aggiungere istantaneamente a quasi tutte le riunioni da programmare.

Infine, si possono manterene i codici moderatori privati: gli invitati possono utilizzare il profilo impostato includendo solo le informazioni necessarie ai partecipanti. L’organizzatore della riunione può lasciare il codice moderatore in un invito protetto per la privacy, ma senza rinunciare alla comodità di accedere come moderatore.

E’ «un’applicazione fondamentale per chi crea o partecipa alle conference call» sottolinea Tom Gougue, vice president, collaboration and social networking di Research In Motion, spiegando che quest’ultima versione «comprende una serie di migliorie come la possibilità di trasformare automaticamente qualsiasi indirizzo email in un contatto per una conference telefonica, rendendo ancora più semplici le cose agli utenti BlackBerry».