Agricoltura: esonero contributivo 2022 per nuovi imprenditori under 40

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Gino chiede:

Ho intenzione di avviare un’attività agricola in regime di esonero IVA, perché il mio volume di affari non supera i 7.000 euro. Volevo sapere se rientro anche nell’esonero contributivo INPS per nuove attività avviate da imprenditori agricoli fino a 40 anni di età. In caso di collaboratori per stand nelle sagre e nelle fiere, quali sono invece gli adempimenti fiscali?

L’esonero contributivo INPS per i nuovi imprenditori agricoli sotto i 40 anni è stato rinnovato anche per il 2022. Si tratta di una esenzione totale (sgravio al 100%) sui contributi previdenziali dovuti nei primi due anni di attività, in relazione ai contributi IVS (ad eccezione del contributo di maternità pari a 7,49 euro e del contributo INAIL dei soli coltivatori diretti) agli agricoltori under 40 che avviano l’attività nel 2022.

La misura, prevista per la prima volta dalla manovra 2017 (commi 344-345, legge 232/2016) per incentivare l’imprenditoria agricola, è stata rimodulata e riproposta di anno in anno (saltando il solo 2019).

Le istruzioni sono contenute nella recente Circolare INPS n. 59/2022 e riguarda le nuove iscrizioni alla previdenza agricola di coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali che non hanno ancora compiuto 40 anni. La domanda di sgravio deve essere presentata entro 120 giorni dalla comunicazione di inizio attività, dal Cassetto previdenziale INPS per autonomi agricoli: Comunicazione bidirezionale > Invio comunicazione, Esonero contributivo nuovi CD e IAP anno 2022 (CD/IAP2022). Per le attività iniziate il 1° gennaio 2022, il termine scade il 30 luglio 2022.

=> Forfettari come sostituti d'imposta: ritenute ai dipendenti

Per quanto riguarda l’eventuale ricorso a collaboratori, ad esempio in occasione di eventi fieristici, pur essendo in regime di esonero IVA lei dovrà agire da sostituto d’imposta, operando le ritenute dovute in base alle diverse attività richieste ed effettuando i relativi versamenti al Fisco, presentando infine il modello 770.

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Barbara Weisz