WiMax, Aria acquisisce MediaPA

di Lorenzo Gennari

scritto il

Per ultimare la copertura WiMax del territorio della Regione Puglia, l'operatore Aria, che distribuirà la banda larga senza fili in tutta Italia, ha acquisito MediaPA che già fornisce, tramite una consorziata, servizi ICT per la PA

Aria è inarrestabile e la sua espansione va di pari passo con l’abbattimento del digital divide. Per questo motivo non si può che accogliere con entusiasmo l’acquisizione, da parte del provider umbro, di una delle aziende facenti parte del Consorzio pugliese Cliocom, ovvero MediaPA.

Aria è l’unico operatore italiano che distribuirà servizi attraverso la tecnologia WiMAX su tutto il territorio nazionale. Anche Cliocom opera nel settore delle telecomunicazioni, ed è il primo provider internet italiano nato nel meridione, con una pluriennale esperienza nello sviluppo di portali istituzionali.

Tra le imprese che costituiscono il Consorzio, Clio è l’azienda che detiene la maggioranza. La società acquisita da Aria, MediaPA, ha in corso di realizzazione un progetto infrastrutturale nella Regione e già si avvale del Programma Operativo Regionale (POR) per l’utilizzo dei Fondi Strutturali Europei (integrati da quelli del Ministero dell’Economia e delle Finanze e da quelli messi a disposizione direttamente dalla Regione Puglia).

Aria pertanto si impegnarà, non solo ad investire il capitale necessario a completare il progetto, ma anche ad installare più di 200 stazioni WiMax e a coprire in modo efficace ed efficiente, l’intero territorio regionale.

«Questa acquisizione ci permette di velocizzare ulteriormente la copertura territoriale italiana con la banda larga», ha dichiarato Mario Citelli, Amministratore Delegato di Aria. «Il WiMax si dimostra ancora una volta una tecnologia versatile in grado di raggiungere, con tempi e costi ragionevoli, quelle aree d’Italia che più necessitano di essere “messe in rete”. La Puglia è una terra bellissima con grandi potenzialità e siamo certi che, anche grazie al nostro contributo, saprà valorizzare le proprie risorse e ricchezze culturali, naturalistiche e umane».

«Grazie alle opportunità offerte dai fondi europei, la Puglia sta realizzando iniziative significative in grado di sostenere il decollo dell’economia locale. – ha continuato Citelli – «Aria darà quella marcia in più necessaria ad abbattere ogni barriera e permetterà di giocare sempre più un ruolo da protagonista nell’economia nazionale e internazionale».