Il punto su Vodafone Station, l’Adsl integrata fisso-mobile

di Filippo Vendrame

scritto il

E’ in arrivo per l’estate l’Adsl di Vodafone. Finalmente dopo aver acquisito qualche mese fa Tele 2, Vodafone ha deciso di entrare in scena in prima persona. Lo farà  sicuramente alla grande perché i suoi piani aziendali in tal senso sono molto ambiziosi.

Ma al momento sulle offerte non sappiamo nulla, perché vige un silenzio assoluto. Tuttavia il gruppo nel corso della conferenza stampa annuale per la presentazione dei bilanci e dei progetti futuri ha voluto lanciare quello che sarà  il fulcro dell’offerta Adsl di Vodafone, la Vodafone Station.

Frutto di un progetto innovativo pensato principalmente per il mercato italiano ma che, in una seconda fase, verrà  esteso agli altri stati europei dove Vodafone è presente, Vodafone Station si propone di semplificare al massimo l’uso della banda larga all’utente.
Quindi, nessun problema di configurazione del router, mai più senza linea…

Possibile? Vediamo cosa promette l’azienda: Vodafone Station è un avanzato router adsl 2+ che oltre ad incorporare uno switch ethernet a 4 porte, il supporto wi-fi 802.11b/g e 2 porta usb integra un modem removibile Umts/Hsdpa.

Ed è in questo modem secondario che sta la rivoluzione. L’utente quando andrà  a ritirare la propria Station – venduta assieme ad uno dei futuri abbonamenti Adsl di Vodafone – sarà  già  pronta per permettere all’utente di collegarsi.

Basterà  inserire nella presa del telefono il cavo del router ed accendere la Station e ci si ritroverà  su Internet. Da subito, perché fino a che l’Adsl non verrà  attivata sulla linea del cliente sarà  il modem Umts/Hsdpa a fornire la banda all’utente.

Stesso dicasi per le chiamate VoIP: fin quando non si potranno veicolare via Internet, le chiamate passeranno via Gsm direttamente dalla Station.
Come dicevamo questo modem 3G è removibile perché trattasi semplicemente della “Penna Modem Usb” di Vodafone, la famosa Internet Key.

L’abbonamento permetterà  anche l’utilizzo dell’Internet mobile e, quindi, la penna potrà  essere portata in giro per collegarsi ovunque.
Tuttavia, se vogliamo essere precisi, router simili esistono già : pensiamo al Lancom 1751 UMTS, che offre grosso modo quello che la Vodafone Station promette…

La notizia ha già  avuto un buon impatto tra gli utenti che, già  da parecchio tempo, aspettavano un’offerta di convergenza totale.
La possibilità  di avere in un unico abbonamento una connessione dati classica e una mobile ha destato un grande interesse, sopratutto tra i professionisti che viaggiano molto per lavoro.

Indubbiamente Vodafone vuole attirare proprio l’utenza business. Questo, quindi, il traino alla base delle trattative per l’acquisizione di Tiscali che diventerebbe a questo punto davvero la ciliegina sulla torta portando il provider inglese ad essere, di diritto, la seconda forza in Italia subito dietro Telecom.

Sarà  un futuro davvero all-in-one quello che ci prospetta Vodafone? Non resta che aspettare le tariffe e scoprire con mano la qualità  del servizio!

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi