Un quinto delle aziende mette a rischio i dati dei clienti

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Ben 1 azienda su 5 non maschera o protegge i dati dei clienti prima di fornirli ai propri outsider, nonostante gli elevati rischi che ciò comporta per la sicurezza.

Alla base, difficoltà  nel processo di mascheramento dei dati e incertezze sulle leggi che regolano la condivisione con terze parti.

=> Leggi come proteggere i dati aziendali

E’ quanto emerge da uno studio commissionato da Compuware Corporation e condotto dall'istituto di ricerca Vanson Bourne, coinvolgendo 520 CIO di grandi aziende, anche italiane.

Se da un lato un 20% delle aziende non maschera o protegge i dati prima di fornirli a terzi per testare le applicazioni, l’82% delle aziende che adottano tale procedura descrivono questo processo come difficoltoso (il 100% del campione nel caso dei CIO italiani).

=> Leggi di più sulla protezione dei dati

Inoltre, il 56% di coloro che sostengono il valore del mascheramento ritiene comunque che questa pratica possa comunque avere un impatto negativo sulla qualità  del test e dei processi di QA; il 30% delle aziende (il 43% in Italia) decide di non fornire del tutto i dati dei clienti agli outsourcer.

Nonostante le leggi che disciplinano l'utilizzo e la condivisione con terze parti, il 43% dichiara di non comprenderle (il 36% nel caso del campione italiano). Il 62% delle aziende forniscono dati out-of-date oppure scelgono di selezionare piccole quantità , piuttosto che una copia integrale della produzione.

=> Vai alla guida alla sicurezza dei dati in azienda

In generale, fornire a terzi parti dati dei clienti non protetti crea un doppio danno: non solo aumenta le possibilità  che questi siano utilizzati in modo improprio o rubati, ma rende anche le aziende inadempienti per quanto riguarda le norme di protezione dei dati. In entrambi i casi, gli effetti possono ripercuotersi negativamente sui ricavi e sulla reputazione dell'azienda.