Statali: licenziamenti disciplinari in aumento

di Redazione PMI.it

scritto il

Aumenta il numero dei dipendenti pubblici licenziati per motivi disciplinari: reati e assenze ingiustificate le cause più comuni.

Aumentano i licenziamenti per motivi disciplinari nella Pubblica Amministrazione, una sanzione che ha riguardato 520 dipendenti statali segnando un incremento del 35% rispetto all’anno precedente.

=> Statali: assunzioni e sblocco turnover

Come sottolinea il report pubblicato dal Dipartimento della Funzione Pubblica, nel 2019 sono stati avviati complessivamente 12051 provvedimenti disciplinari: in cima alla classifica degli Enti pubblici che ne hanno avviato di più compaiono le Asl e le Aziende ospedaliere, i Comuni e le Scuole, seguite dai Ministeri e dalle Agenzie. In coda, invece, figurano le Università e le Province.

Per quanto riguarda le motivazioni che si celano dietro il licenziamento dei dipendenti pubblici, il report rileva un aumento dei provvedimenti connessi ai reati e alla falsa attestazione della presenza in servizio accertata in flagranza:

  • licenziamenti connessi a reati – 175;
  • licenziamenti derivanti da inosservanza disp. servizio, negligenza, comportamento non corretto verso superiori, colleghi e utenti – 106;
  • licenziamenti derivanti da assenze dal servizio (ingiustificate, non comunicate nei termini prescritti…) – 104;
  • licenziamenti derivanti da falsa attestazione della presenza in servizio accertata in flagranza, art. 55 quater, c. 3 bis – 70;
  • licenziamenti derivanti da falsa attestazione della presenza in servizio, art 55 quater, c. 1, lett a) – 47;
  • licenziamenti derivanti da attività extralavorative non autorizzate (doppio lavoro) 17.

I Video di PMI

Cause e tipologie di licenziamento