Il cloud supera le aspettative

di Chiara Basciano

scritto il

I dati di una ricerca di CA Technologies confermano come il cloud computing sia ormai una realtà consolidata.

Qualcuno, in particolare al di là dell’Oceano, ne è ormai convinto da qualche anno, qualcun altro, nel Vecchio Continente e nel nostro paese in particolare, ne ha potuto apprezzare le potenzialità da poco, ed è stato praticamente amore a prima vista. La soddisfazione dei manager intervistati nell’indagine “The TechInsights Report 2013: Cloud Succeeds. Now What?”, condotta da Luth Research e Vanson Bourne per conto di CA Technologies, tocca quasi il 100% del campione, e quanti ne usufruiscono da più tempo (più di 4 anni) confermano come il cloud abbia superato le loro aspettative in tre casi su quattro circa.

=> Leggi la guida per il cloud computing

I principali punti di svolta secondo il campione intervistato? I risultati migliori, i tempi di attuazione più brevi e i costi inferiori al previsto. E se per quel che riguarda Europa e Italia ci si concentra in particolare, per quel che riguarda i benefici, sull’abbattimento dei costi, i manager statunitensi ne apprezzano la maggiore velocità nel creare innovazione. «A mano a mano che le imprese acquisiscono maggiore esperienza nell’adozione del cloud, si evolvono anche i loro desiderata» – ha dichiarato Fabrizio Tittarelli, CTO di CA Technologies – «Il costo viene spesso considerato un beneficio anticipato (o persino un risultato imprescindibile) con cui giustificare l’adesione al modello cloud. Una volta dimostrato che il cloud computing contribuisce a migliorare la bottom line aziendale, la funzione IT può dedicarsi all’innovazione e ad altri obiettivi più strategici come il miglioramento di performance e security».

Sicurezza che dagli albori della fornitura di servizi cloud è al centro del dibattito, ma che dai dati della ricerca non sembra essere un problema per il 98% del campione, che ha confermato come i risultati in termini di sicurezza siano stati soddisfacenti, o abbiano addirittura superato le aspettative. Eppure circa la metà del campione indica proprio la sicurezza come criticità principale per il trasferimento su cloud di determinate applicazioni. I manager statunitensi hanno in programma di investire forte sul cloud nel prossimo futuro, ma in generale la spesa complessiva destinata al cloud, secondo l’intero campione, dovrebbe rimanere più o meno costante o aumentare (secondo il 95% dei manager in USA ed Europa, il 91% in Italia).