L’arte del decision making

di Chiara Basciano

scritto il

Un sondaggio svela con che stato d'animo i manager prendono le decisioni

Ogni giorno i dirigenti devono fare delle scelte, ma se da un lato questo provoca una certa pressione psicologica dall’altro, tramite questo sondaggio, si scopre che il più delle volte le decisioni vengono pese a cuor leggero e con una sicurezza che le rende facili.

=> Scopri come prendere la giusta decisone

Il sondaggio, realizzato con interviste a 200 tra manager, imprenditori e liberi profesisonisti, è stato realizzato da Better Decision e i suoi risultati sono stati resi noti durante il primo Better Decision Forum, all’interno dell’evento Low Carb di Bologna.

=> Leggi come evitare la confusione

La maggioranza degli intervistati, il 78%, dichiara di non essersi mai pentito delle proprie decisioni, il 62% di prendere decisioni razionali e il 38% di lasciarsi guidare dall’intuito, mentre solo il 20% è rimasto deluso dalle proprie scelte.

Piergiorgio Grossi, co-fondatore di Better Decisions, ha sostenuto che «prendiamo ogni giorno migliaia di decisioni che danno forma al nostro futuro e a quello delle nostre aziende, e nonostante quello che pensiamo, la maggior parte di queste decisioni sono migliorabili, se non sbagliate. Durante questo interessante forum, abbiamo notato come l’intersecarsi di contenuti tecnici e umanistici ci possa fornire maggior consapevolezza nell’utilizzare “la sottile arte del decision making“. Io penso che ai nostri team di lavoro sarà sempre più richiesto questo livello di interdisciplinarietà: gruppi in cui super-tecnici saranno affiancati da designer e psicologi, per ideare prodotti e servizi che siano al passo con l’evoluzione della nostra società»