I vantaggi dell’internal recruitment

di Chiara Basciano

scritto il

L'Italia appare confusa sulla selezione del personale interna, pur ammettendone i vantaggi

Fidelizzare i talenti interni, evitare lo spreco di tempo ed incrementare l’impegno dei dipendenti sono indicati come i fattori chiave per la selezione interna del personale.

=> Leggi i trend della selezione

Lo rileva la recente indagine condotta da Cornerstone OnDemand che ha analizzato come l’internal recruitment in Italia, Francia, Germania e Regno Unito, su un campione di 363 organizzazioni appartenenti a diversi settori. Secondo l’indagine il 77% delle aziende intervistate giudica positivamente la selezione interna, soprattutto per i risultati che si possono ottenere a lungo termine, vale a dire crescita professionale del dipendente e mantenimento dei talenti chiave per l’azienda.

=> Vai a come evitare gli errori nella selezione

Sono soprattutto Regno Unito e Francia ad utilizzare la selezione interna, con, rispettivamente, percentuali del 54% e il 46%, mentre la Germania si attesta sul 33% e l’Italia sul 31%. La percentuale italiana è la più bassa, ma le aziende affermano di rendersi conto dei vantaggi derivanti dall’internal recruitment individuando come fattori di ostacolo il timore dei manager di perdere le risorse migliori (70%), seguito dalla preoccupazione di causare risentimento tra i candidati (40%).

=> Scopri come coinvolgere i dipendenti

Il vero problema però è la mancanza di standardizzazione dei processi di selezione interna, presente nel 30% delle aziende. Sarebbe quindi necessario creare un dialogo costante tra i dipendenti e le risorse umane, in modo da individuare le ambizioni dei lavoratori e le necessità dell’azienda e lavorare insieme per trovare un modello di sviluppo armonico.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari