Business ed etica

di Chiara Basciano

scritto il

Tenere sempre a mente l?importanza degli stakeholder per aziende che creino valore e fatturato.

C’è un luogo comune per cui chi fa affari non è una persona eticamente corretta. Niente di più falso. Al contrario deve essere proprio l’etica a muovere le aziende. Senza una sana attenzione nei confronti dei propri clienti si è destinati al fallimento.

=> Leggi l’importanza degli stakeholder

Mette in evidenza questo punto di vista Edward Freeman, professore di business administration presso la Darden School of Business dell’Università della Virginia. Secondo quanto afferma infatti la base del business è l’individuazione dei portatori di interesse per quello che creiamo, per dirla con il solito inglesismo tanto caro al mondo degli affari, gli stakeholder.

=> Scopri la moda dell’etica

Come portatori di interesse si intendono diverse categorie, e per tutte bisognerebbe essere capaci di creare valore. In generale Freeman distingue tra clienti, coloro che acquistano i servizi o i prodotti dell’azienda, fornitori, che forniscono materiali e risorse necessari alla creazione dei prodotti e dei servizi, collaboratori, cioè chi lavora sotto la diretta supervisione del business, comunità, tutte le persone che entrano in contatto con le persone e le infrastrutture del business e, infine, i finanziatori, che si aspettano una remunerazione derivante dall’investimento.

=> Vai all’etica contro la crisi

Tener presente le necessità di ogni parte in causa significa creare un business di successo. Se l’obiettivo è quello di arricchirsi manca lo scopo dell’azienda e senza motivazione è impossibile andare avanti. Sono soprattutto i leader a dover sempre tenere presente questo obiettivo, i dipendenti dovrebbero essere coinvolti in questo processo motivante, senza fare il lavoro in maniera noiosa e ripetitiva. Tutto ciò può apparire idealista ma Freeman assicura che senza il sacro fuoco un’azienda è destinata al fallimento.