Fattura elettronica: dal 2024 obbligatoria per tutti i Forfettari

di Teresa Barone

15 Dicembre 2023 07:58

Il 31 dicembre termina il regime transitorio sulla fatturazione elettronica, obbligatoria per tutte le Partite IVA forfettarie dal 1° gennaio 2024.

A partire dal 1° gennaio 2024 la fatturazione elettronica sarà obbligatoria per tutti coloro che operano nel regime forfettario. Il nuovo anno, infatti, segnerà il termine della fase transitoria a prescindere dai ricavi e dai compensi conseguiti nel 2022.

Per le operazioni dal primo giorno del 2024, come ha precisato l’Agenzia delle Entrate, segnerà la fine delle varie deroghe. Facciamo il punto della situazione ricordando cosa cambia, per chi e come adeguarsi con strumenti gratuiti.

Fatturazione elettronica per tutti i Forfettari dal 2024?

L’emissione obbligatoria delle e-fatture da gennaio prossimo coinvolgerà tutte le Partite IVA, come stabilito dal Decreto-Legge n. 36/2022 (articolo 18). Dal 1° luglio 2022 al 31 dicembre 2023, i contribuenti che avevano dichiarato nell’anno precedente ricavi o compensi inferiori a 25mila euro sono stati esonerati dall’obbligo di fatturazione elettronica. Dal 1° gennaio 2024, invece, viene meno questa deroga e dunque il nuovo adempimento si applica con qualunque importo di fatturato o compenso.

=> Fattura elettronica Forfettari: guida per Partite IVA

Chi deve emettere fattura elettronica?

Oltre ai soggetti già obbligati, dal 1° gennaio 2024 devono emettere fattura elettronica anche i contribuenti:

  • nel regime di vantaggio de2011 (articolo 27, commi 1 e 2, del DL 98/2011, convertito dalla legge 111/2011);
  • nel regime forfetario del 2014 (articolo 1, commi da 54 a 89, della legge 190/2014);
  • nel regime fiscale previsto dalla Legge 398/1991 (articoli 1 e 2) con qualunque importo di fatturato (ricavi / compensi).

Come adeguarsi con i servizi gratuiti delle Entrate?

I forfettari potranno utilizzare l’applicativo gratuito messo a disposizione dalle Entrate, accedendo all’area dedicata del suo portale web e selezionando il servizio dedicato alla fattura elettronica. In alternativa, potranno possono utilizzare un software di mercato conforme alle specifiche tecniche previste dalla normativa di riferimento, scegliendo tra le numerose soluzioni proposte dai fornitori.

Fattura elettronica: come si compila?

La compilazione di una fattura elettronica in formato xml prevede l’inserimento del codice destinatario univoco. In caso di fattura verso un privato o soggetto senza Partita IVA, si utilizza un codice convenzionale di sette zeri (0000000). Se l’importo delle fatture supera i 77,47 euro, si appone anche l’imposta di bollo da 2 euro nel campo “Bollo Virtuale”. Infine, si inserisce la firma digitale e si invia al Sistema di Interscambio (SdI).