Tratto dallo speciale:

Contributi INPS omessi: quando si prescrivono

di Redazione PMI.it

scritto il

La prescrizione del diritto dell’INPS sui contributi omessi non viene interrotta dall’accertamento fiscale: la sentenza della Cassazione.

Con la sentenza n. 14410/2019, la Corte di Cassazione ha chiarito che la prescrizione sui contributi INPS omessi dal professionista non si interrompe in caso di accertamento del Fisco e precisa il momento da prendere come riferimento per il calcolo dei tempi di prescrizione.

=> Pubblico impiego: prescrizione contributi sospesa

Momento costitutivo dell’obbligazione

Nel caso esaminato, i giudici hanno respinto il ricorso dell’INPS, precisando che, in tema di contributi cd. “a percentuale”, il momento costitutivo dell’obbligazione contributiva resta quello della produzione del reddito da parte del professionista o lavoratore autonomo, a prescindere dal fatto che il reddito stesso venga comprovato solo successivamente tramite accertamento fiscale.

=> Tributi locali: prescrizione in 5 anni

Termini di prescrizione

In sostanza, i giudici chiariscono che la prescrizione dei contributi INPS omessi decorre comunque, ai sensi dell’art. 3 della L. n. 335 del 1995, dal termine previsto per il loro pagamento, e non dall’atto, eventualmente successivo dell’accertamento dell’Agenzia delle Entrate con il quale il Fisco abbia accertato un maggior reddito).

Tale atto può avere un mero effetto sospensivo e non interruttivo del termine prescrizionale.